Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 21 ottobre 2017 - Ore 23:22

Massimo Pasca firma il manifesto del Sud Est Indipendente Festival

Massimo Pasca firma il manifesto del Sud Est Indipendente Festival

Lecce - La band norvegese Kings of Convenience (sabato 27 luglio) e il cantautore romano Daniele Silvestri (venerdì 16 agosto) sono gli ospiti della settima edizione del SEI - Sud Est Indipendente, festival firmato Coolclub che ha portato nella provincia di Lecce le sonorità più interessanti e meno scontate della musica rock (ma non solo) italiana e internazionale. 

"Storia di ecologia, coscienza e surreltà", il manifesto "celebrativo" dell'edizione 2013, è un'opera dell'artista salentino Massimo Pasca. «C'era una volta un cantante di una famosa band. Nel suo periodo migliore aveva i capelli lunghi e la barba», sottolinea l'autore.«A un certo punto della sua carriera disse: "Siamo più popolari di Gesù Cristo. Non so chi morirà per primo. Il Rock and Roll o il Cristianesimo". Morì prima lui, a testimonianza che a portarsi merda da soli ci vuol poco. Se i mostri sacri e il sacro si incontrano nell'arte, possono rinascere magari venendo a trovarci qui nel Sud Est d'Italia, il posto più surreale che ci sia», sottolinea Pasca. «John Lennon e Gesù sono tornati venendo fuori dai miei pennarelli. Questo cantante miracoloso è approdato con il suo sottomarino giallo sul Mar Adriatico accolto da un santo locale (San Giuseppe da Copertino), rigorosamente provvisto di mascherina antigas (sai com'è, qui lui ci deve stare). E appena sbarcato è stato sparato (e son già due volte) ai polmoni da un grosso cannone a fasce bianche e rosse». Cinquecento copie del manifesto (nel formato 70x100) firmate dall'artista saranno in vendita durante le serate del festival e in altri punti di distribuzione (tutte le info sul sito www.seifestival.it).

Massimo Pasca  nasce in Salento nel 1974. Nel 1993 è stato tra i primi a portare sulle coste del pugliesi il concetto di live painting. Ha dipinto per collezionisti privati, istituzioni, centri sociali, cineclub, teatri, musicisti, per la moda, e i suoi disegni sono finiti su maglie, borse e copertine di dischi. Trasferitosi a studiare a Pisa nel 1994 si laurea in Conservazione dei Beni Culturali con una tesi su Pier Paolo Pasolini. Ha continuato questa attività portandola in tutta Italia, sperimentando dall’astratto al surrealismo fino alla pop art influenzata dal mondo dei fumetti, la maggior parte delle volte dipingendo con numerosi musicisti come Negrita, Piero Pelù, Bandabardò, Roy Paci, Cor Veleno (durante il concerto “Scartati” a Pratovecchio) e sul palco con Ebony Bones, Marta sui Tubi, Luci della Centrale Elettrica, Tommaso Novi, Andrea Mi, Francesco del Prete, Joy Cut. Dopo venti anni passati a Pisa  nel 2012 ritorna a Lecce.


Fin dalla sua nascita, nel 2006, il Sud Est Indipendente ha dichiarato la sua vocazione a scegliere gruppi e progetti eterogenei, a trasformarsi di volta in volta allargando l’orizzonte delle proprie proposte per offrire al proprio pubblico una panoramica ampia e variegata della musica pescando nei diversi generi che vanno dal punk al cantautorato, dal rock allo ska, dal folk ai ritmi in levare. Nelle diverse location salentine che hanno ospitato il festival, si sono alternati artisti come BaustelleGogol BordelloBugoSkatalites,VerdenaTre Allegri Ragazzi MortiVallanzaskaTeatro degli OrroriOne Dimensional Man, Jon Spencer Blues Explotion,MannarinoCalibro 35Brunori SasAmor FouLombrosoDelleraCrifiuMascarimirì e molte altre realtà italiane e pugliesi. Questa edizione del festival è realizzata in collaborazione con TT EventsMolly Arts e Alta Fedeltà Produzioni, con il patrocinio delComune di Lecce nell'ambito del progetto Lecce Capitale Europea della Cultura 2019 e con il sostegno di Svicat.

 

Sabato 27 luglio (ore 22.00 - ingresso 15 euro + dp) in Piazza Libertini a Lecce i Kings Of Convenience saranno sul palco in quintetto: Erlend Øye (chitarra e voce) e Eirik Glambek Bøe (chitarra e voce) saranno affiancati da Davide Bertolini (basso), Ugo Santangelo (chitarra) e Craig Farr (batteria). Dopo un’assenza dai palchi italiani che durava dal 2010, il duo norvegese celebre per aver incantato il pubblico di tutto il mondo e raggiunto le vette delle classifiche di tutto il globo con le melodie dei singoli Misread e I’d Rather Dance with You, estratti dal celebre album Riot on an Empty Street, torna in Italia per quattro date da non perdere (Venezia, Roma, Salerno e Lecce). 

Erlend Øye e Eirik Glambæk Bøe sono nati entrambi a Bergen nel 1975 ed hanno dato vita ai Kings of Convenience nel 1998. in seguito a delle apparizioni in alcuni festival europei, il duo trova un contratto con la casa discografica americana Kindercore. Dopo un breve periodo di lavoro a Londra con l’allora produttore artistico dei Coldplay Ken Nelson, nel 2000 i KOC pubblicano il loro primo album, Kings of Convenience diretto al solo mercato statunitense e canadese. Il loro debutto su scala mondiale avviene invece l’anno successivo, con Quiet Is the New Loud : l’album riprende molte delle tracce già presenti in Kings of Convenience, con l’aggiunta di alcune nuove canzoni. Con quest’album il gruppo raggiunge un notevole successo, tanto da dare vita ad una nuova scena musicale underground: new acoustic movement, che prendeva ispirazione dallo stile di Simon & Garfunkel puntando su melodie intricate e sofisticate. Tale è il successo del loro album che nel 2001 viene pubblicato Versus, un album di remix delle tracce di Quiet Is the New Loud. Il secondo album di inediti viene pubblicato nel 2004. Riot on an Empty Street suscitando un enorme ed inaspettato successo di pubblico, mostrando anche una forte evoluzione nello stile del duo: mentre le sonorità complesse e delicate rimangono, viene utilizzata una maggiore varietà di strumenti, con un forte apporto di pianoforti e di archi accanto alle irrinunciabili chitarre. Il primo singolo Misread diviene una delle canzoni più popolari dell’estate 2004. Anche il secondo singolo, I’d Rather Dance with You, accompagnato da un videoclip molto ironico che gioca sull’aspetto “da secchione” di Øye, viene trasmesso frequentemente dalle televisioni musicali arrivando a vincere gli Mtv Music Awards del 2004 nella categoria miglior video.

L’album del 2004 vede anche la collaborazione della cantautrice canadese Leslie Feist in due canzoni: (Know-how e The Build-up). Nel 2005 il gruppo, stordito dal planetario successo, decide di prendersi una pausa. Durante questo periodo di inattività come Kings of Convenience entrambi i compositori si dedicano a progetti paralleli: Erlend dopo essersi trasferito a Berlino nel 2004 fonda The Whitest Boy Alive, mentre Eirik con gli ex componenti degli Skog dà vita ai Kommode, intraprende gli studi di architettura e diventa padre. Il 7 marzo 2007 tornano a calcare il palco, grazie a due strepitosi concerti tenutisi a Città del Messico: in quell’occasione annunciano l’inizio dei lavori per il loro nuovo album che si svolgono a Puerto Vallarta in Messico, a Bergen e nell’appartamento di Erlend. Nel giugno del 2008 infine i due si recano all’Esagono Studio di Rubiera, in provincia di Reggio Emilia, città del loro produttore artistico Davide Bertolini, per completare le registrazioni dell’album. Il 25 settembre 2009, cinque anni dopo il precedente, esce l’album: Declaration of Dependence. I singoli trainanti dell’album sono “Mrs. Cold” e “Boat Behind”. Il 22 febbraio 2010 esce un loro EP intitolato Kings of Convenience’s Live Acoustic Sessions – Milan 2009 – registrato l’anno prima alla Fnac di Milano. L’EP comprende 4 tracce: Winning a Battle, Losing the War (Acoustic Session), Boat Behind (Acoustic Session) e Love Is No Big Truth (Acoustic Session). Recentemente hanno da poco tributato la canzone popolare italiana realizzando una cover del brano dei Giganti, intitolato “Una ragazza in due”.

Una formazione che si preannuncia come una “superband”, successi, brani “storici” e anche inediti per fare in modo ogni sera di offrire un concerto unico e irripetibile. È questo il nuovo tour estivo “Live 2013” di Daniele Silvestri che venerdì 16 agosto (ore 22.00 - ingresso 15 euro + dp) approda a Lecce (sempre in Piazza Libertini). Mai come questa volta Silvestri dimostra di avere una gran voglia di sperimentare e mettersi in gioco con l'ambizione di stupire e stupirsi, in un percorso totalmente inedito che si annuncia entusiasmante e imprevedibile. Se avesse un titolo questo tour, prodotto da Cose di Musica, sarebbe "Il bisogno di Rock", parafrasando una delle sue canzoni più recenti. Perché è senz'altro questo l'ingrediente principale della nuova avventura live di Daniele Silvestri che dimostra di mettersi in gioco in un percorso totalmente inedito che si annuncia entusiasmante e imprevedibile. Molte le novità, a cominciare da una formazione allargata e "mutante", in cui alla band storica si aggiungeranno più o meno stabilmente musicisti e polistrumentisti del calibro di Rodrigo d'Erasmo (Afterhours), Guglielmo Gagliano (Benvegnù, Negrita), Massimo Giangrande che, insieme ai veterani del gruppo, costituiranno una sorta di superband capace di tutto, compreso un continuo cambio e scambio di strumenti e ruoli. Tutto questo senza contare gli immancabili ospiti, tra amici e colleghi, che con le loro apparizioni a sorpresa renderanno ogni concerto un evento unico e - spesso – irripetibile e il contributo d’eccezione di Giancarlo Sforza (già collaboratore di Tiziano Ferro, Lucio Dalla, Jovanotti, tra gli altri) per l'allestimento scenico. Ma sarà anche il repertorio a segnare un cambio di passo evidente: ogni singolo arrangiamento sarà ripensato e rinnovato, col preciso intento di azzerare meccanismi e abitudini ben consolidate a favore di interpretazioni sorprendenti.  Non mancano, ovviamente, molti dei principali successi di Silvestri, il quale però approfitta del nuovo sound per recuperare anche brani storici fin qui pressoché esclusi dalla dimensione Live, attingendo a un repertorio che in quasi vent'anni di carriera si è fatto davvero ricco, con più di 115 canzoni pubblicate, oltre alle tante collaborazioni e le cover. Il tutto confrontandosi costantemente col pubblico, anche grazie al continuo scambio di opinioni e consigli che arriva dal Web, dove in quest'ultimo anno si è enormemente arricchita la presenza di fan, che tra Facebook, Twitter e il nuovissimo danielesilvestri.it si avvicinano ormai alle 300.000 presenze, in costante aumento. Perfino il Merchandising si è scelto e realizzato consultando il popolo dei fan su internet. Ma il Tour sarà anche un'occasione per proporre, di volta in volta, “in esclusiva” per il pubblico dei suoi concerti, uno o due brani inediti, che potrebbero essere inclusi nel nuovo album al quale il musicista sta lavorando. L'intenzione è quella di farli vivere e crescere sul palco prima ancora di inciderli e pubblicarli, modificandoli, aggiustandoli e stravolgendoli. Normalmente quando musicisti e cantanti si ritrovano per le mani delle nuove canzoni, decidono di farci su un disco. Silvestri invece ci fa un tour.  

Le prevendite sono disponibili nel circuito Bookingshow.
Info www.seifestival.it - 0832303707 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
08 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Di Roberta Apos, nota hair stylist salentina, ne abbiamo sentito parlare a lungo. Nel corso del tempo stile e professionalità l’hanno...

07 Ottobre 2017 - Salento

Salento - Domenica 8 ottobre tornano i live al Gianna Rock Cafè di Veglie (via Fratelli Bandiera), con la band Figli di Rock 'n' Roll. Nel corso della...

08 Agosto 2017 - Vernole

Vernole - Al Mediterraneo si fa baldoria in compagnia di "Midsummer Night", il party in notturna in programma mercoledì 9 agosto con start alle ore 23....



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner