Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 18 novembre 2017 - Ore 22:41

Andrea Molesini presenta "La primavera del lupo"

Andrea Molesini presenta "La primavera del lupo"

Otranto -

Giovedì 13 giugno alle ore 19.30 nella Sala Rettangolare del Castello Aragonese di Otranto (Le), il Presidio del Libro di Parabita ospita la presentazione de La primavera del lupo (Sellerio Editore), nuovo romanzo dello scrittore Andrea Molesini. Converseranno con l’autore Lucia Schinzano (giornalista), Angelo Donno(scrittore) e Sonia Cataldo (referente Presìdi del libro). 

L'appuntamento, promosso dalla Regione Puglia – Assessorato al Mediterraneo in collaborazione con l’Associazione Presidi del Libro, rientra nell'articolato programma di Metafisica a sud, enigma di un pomeriggio d’estate, rassegna di eventi a margine della mostra “Giorgio de Chirico - Mistero e poesia” a cura diFranco Calarota che sarà allestita sino al 29 settembre dal Castello di Otranto, contenitore culturale gestito dall’Agenzia di Comunicazione Orione di Maglie e dalla Società Cooperativa Sistema Museo di Perugia, con la direzione artistica dell’architetto Raffaela Zizzari. Partito dall'Italia con la sua Metafisica, Giorgio de Chirico (Volos, 10 luglio 1888 – Roma, 20 novembre 1978) ha conquistato la scena internazionale fin dalla prima metà del secolo scorso, travalicando i confini dell'arte per influenzare con il suo universo artistico non solo la generazione successiva di pittori, ma anche letterati, filosofi, architetti e la psicanalisi. Attraverso una selezione di opere – undici dipinti a olio, tre sculture e oltre trenta tra disegni, acquarelli e grafiche, in prestito dalla Galleria d’Arte Maggiore di Bologna - la mostra proposta al Castello di Otranto si pone come obiettivo quello di dimostrare come Giorgio de Chirico abbia disseminato con la pittura quantità di argomenti nelle più varie zone culturali e di rinnovare l’accostamento critico di un autore che in modo tanto completo rappresenta la nostra epoca.

La primavera del lupo” come il precedente pluripremiato “ Non tutti i bastardi sono di Vienna” , ha come sfondo la guerra. Tra macerie , fame e crolli di regimi e sistemi sociali si muovono uomini e ragazzi animati da passioni individuali o segnati da una loro specifica storia. Il loro agire è frutto di un complesso intreccio che accanto alle ragioni della storia vede le loro ragioni singolari. Si fugge, si spara, si muore, si conosce , si ama, si è vittime predestinate nel vortice frenetico degli ultimi giorni di Salò, in cui tutto è visto come una nebbia dagli occhi di un bambino. Pietro, un orfano di dieci anni, che ci racconta la sua fuga rocambolesca da un convento su un isola veneziana insieme a un gruppo di singolari compagni, nell ’ attesa spasmodica della liberazione. Accanto a Pietro e Elvira, spiccano altri due personaggi: un altro bambino, l'ebreo Dario , riflessivo e taciturno, e Karl , un eroe negativo ma ricco di fascino. Nella tragicità della guerra i personaggi di Molesini provano i primi moti eroici ed erotici, ma soprattutto cercano un senso, cercano di capire il grande mondo, quello degli adulti; così l’innocenza e la giustezza dell’infanzia divengono speranza di un futuro di pace. 

Andrea Molesini insegna Letterature Comparate all’Università di Padova e ha scritto fiabe e romanzi per ragazzi. Nel 1990 ha vinto il Premio Andersen per il libro "Quando ai veneziani crebbe la coda" (Mondadori 1989). Nel 1999 gli è stato consegnato il Premio Andersen alla carriera. Ha scritto saggi e tradotto libri di poesia per Mondadori e per Adelphi. Con il romanzo “Non tutti i bastardi sono di Vienna” (Sellerio 2010)- tradotto in lingua inglese, francese, tedesca, spagnola, olandese, norvegese, slovena, danese e ungherese – nel 2011 ha vinto il Premio Super-Campiello, il Premio Comisso, il Premio Città di Cuneo Primo Romanzo, il Premio Latisana.
 
La mostra è aperta tutti i giorni.
Orari: giugno e settembre 10-21; luglio e agosto 10-24.
Ticket d’ingresso: intero € 7,00; ridotto € 4,00 (6-14 anni, oltre 65 anni, scolaresche, diversamente abili e relativi accompagnatori, gruppi superiori a 20 unità, convenzioni attive). Titolari Otranto Card: intero € 6,00.
Audioguida: singola € 4,00; doppia € 6,00.
Visita guidata di gruppo su prenotazione (in italiano, inglese o francese)
• solo mostra: gruppi 80,00 euro + ticket d’ingresso; scuole 60,00 euro + ticket d’ingresso
• mostra + castello: gruppi 100,00 euro + ticket d’ingresso; scuole 80,00 euro + ticket d’ingresso.
Info e prenotazioni: 199.151.123 – callcenter@sistemamuseo.it


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
16 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - Spazio ai giovani autori italiani alla Città del Libro di Campi Salentina. In occasione della XXII edizione della rassegna letteraria...

10 Novembre 2017 - Monteroni Di Lecce

Monteroni Di Lecce - Nuovo imperdibile appuntamento con la cover band di Luciano Ligabue “Figli di Rock 'n' Roll”. Venerdì 17 novembre il gruppo si...

03 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - RADICI - Pizzicheria Salentina organizza - per il nono anno consecutivo - l’edizione romana del “San Martino Salentino”. Un evento,...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner