Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 17 ottobre 2017 - Ore 20:52

Al via Digital Pride, il festival internazionale dedicato alle arti digitali

Al via Digital Pride, il festival internazionale dedicato alle arti digitali

Lecce - Lecce ospita fino al 2 giugno 2013 la prima edizione di Digital Pride, festival internazionale dedicato alle arti digitali, promosso dalle associazioni Bad IdeasInSynch Lab, Maker Zone, Joyfull Family Records e Seven. La manifestazione è realizzata con il contributo dell'iniziativa Laboratori dal Basso, azione della Regione Puglia cofinanziata dalla UE attraverso il PO FSE 2007 – 2013. L'iniziativa, patrocinata da Assessorato al Mediterraneo Cultura e Turismo della Regione PugliaApulia Film Commission, Mediateca Regionale Pugliese, Comune di LecceManifatture KnosFondazione D’Ars Oscar Signorini onlus e Milano in digitale, promuove iniziative legate alle nuove tecnologie grazie a un ricco programma di produzioni multimediali, lectures e progetti in grado di offrire un variegato panorama sulla ricerca audiovisiva contemporanea. Il festival si configura come una fertile piattaforma di confronto per gli ambiti multidisciplinari, in cui si incrociano azioni performative, workshop e contest internazionali mirati alla valorizzazione dei giovani talenti.

Sedi di Digital Pride sono Manifatture Knos e il Teatro Romano, che accoglie i live di musica elettronica e pratiche legate ai live media. Evento unico nel suo genere, la manifestazione abbraccia le performance di artisti di fama internazionale come Luca AgnaniKanaka ProjectJem The MisfitsHermes MangialardoInsynch LabLaura Jones e Julien Sandre, ma intende dare visibilità anche alle nuove produzioni legate ai workshop e ai contest di videomapping, sound design, VJing, architectural mapping, interactive architectural surface e cartoon animation. Per questo motivo, il programma di Digital Pride sviluppa una timeline di ben due settimane, rompendo così la concezione stessa del festival che consuma la sua offerta culturale in pochi giorni.

Il nucleo centrale dell’iniziativa è la divulgazione delle forme più avanguardistiche di creatività legata alle nuove tecnologie in aggiunta all’intento di formare nuove professionalità in grado di poter gestire efficacemente gli strumenti quali videomapping, stampa 3D, Processing, Arduino e Pure Data, animazioni 3D, VJing e mapping interattivi su superfici architettoniche. I workshop e tutti i seminari saranno tenuti da professionisti del settore e dagli artisti in cartellone per il festival. Parallelamente ai workshop, Digital Pride lancia anche una call internazionale di videomapping, il cui vincitore, decretato da una giuria di esperti, porterà a casa un assegno del valore di 500 dollari. E ancora mostre, panel, live show arricchiscono la programmazione di questo festival, che intende promuovere una nuova sensibilità culturale non solo tra gli addetti ai lavori ma anche ad un pubblico più vasto di fruitori.

Atteso l’evento del primo giugno presso il Teatro Romano di Lecce, sul cui palco saliranno i migliori artisti provenienti dalla scena musicale elettronica internazionale come Laura Jones e il francese Julien Sandre. Inoltre produttori nazionali e pugliesi come Cristian Carpentieri e Simone Gatto, si alterneranno a visual performer del calibro di Kanaka Project, Luca Agnani, Insynch Lab, Jem The Misfits, Hermes Mangialardo, Gruppo Denso, Workshow, per dare vita ad uno spettacolo lungo una notte intera in cui musica e immagini in movimento saranno un tutt’uno con una scenografia mozzafiato.

Artisti: Luca Agnani, Julien Sandre, Laura Jones, Jem The Misfits, Kanaka Project, Cristian Carpentieri, Hermes Mangialardo, Gruppo WorkShow, Marco Pucci, Davide Ventura, Alessandro Fiorin Damiani/Gruppo Denso, Omar Eox, Andrea Carpentieri, Simone Gatto, Bicycle Beat, Transition Lab (Limo-Jako-Alfredo).

Lecce > Manifatture Knos – via Vecchia Frigole, 34 (ingresso gratuito);

              Teatro Romano - via Arte della Cartapesta  (ingresso a pagamento);

Bari > Mediateca regionale Pugliese – via Zanardelli, 34.

Di seguito il programma:

Giovedì 30 – venerdì 31 maggio > I lavori di giovedì 30 si aprono alle 9 con il workshop su Processing a cura di Gruppo WorkShow sino alle 13. Dalle 16 alle 22 hanno invece inizio le lezioni sul VJing con Omar Eox, i Kanaka Project e Jem the Misfits. Durante il workshop verranno presi in esame i software base, più conosciuti e utilizzati. Si analizzano i metodi di produzione e reperimento del materiale video, la progettazione e organizzazione del live set. L’approccio sarà pratico e teorico, orientato all’elaborazione dell’immagine in sincronia con la musica. Parallelamente, dalle 13 alle 16, Marco Pucci e InSynchLab terranno un workshop su Arduino, mentre Cristian Carpentieri è il docente di Sound design, che si svolge nella sola giornata di giovedì 30, dalle 16 alle 22. Venerdì 31 l’appuntamento è sempre alle Manifatture Knos con gli stessi docenti, ma con fasce orarie differenti. Infatti, il workshop su Processing si svolge dalle 9 alle 13; quello di VJing dalle 14 alle 22 e Arduino dalle 14 alle 20.

Sabato 1 giugno > La giornata si apre alle Manifatture con un workshop su Sound design in cui è previsto  l’intervento di Giovanni Limongelli (dalle 18 alle 21). Alle 21, invece, ci si sposta al Teatro Romano che accoglie la serata evento di sabato 1 giugno. Nella cavea si assiste alle live performance di videomapping a cura di InSynchLab, Luca Agnani, Kanaka Project e si procede anche allo screening dei video inviati da artisti di tutto il mondo grazie alle open call internazionali lanciate dall’associazione in concomitanza con il festival. Sul palco si alterneranno Laura Jones (UK) e Julien Sandre (FR), Cristian Carpentieri, Simone Gatto, Bicycle Beat, Transition Lab (Limo-Jako-Alfredo) per dar vita ai loro live set e djset, completando con la musica le opere visuali proiettate sulla facciata del MUST. L’ingresso è a pagamento.

Domenica 2 giugno > Ultima giornata per Digital Pride alle Manifatture Knos. La giornata prevede alle 18 l’inaugurazione della mostra di Sara Tortorella dal titolo “Eco-metamorphosis”. Il festival si chiude con un talk a cura dell’associazione DamageGood su arti digitali e new media in cui sono previsti gli interventi dei docenti e degli artisti che hanno preso parte alla manifestazione, tra cui anche di Carmen Andriani, architetto e docente di Progettazione architettonica all’Università di Pescara, e Laura Tettamanzi, docente all’Accademia di Brera (Milano) e fondatrice di More Than Zero Crossmedia Festival (Milano). La serata si conclude con la proclamazione del vincitore del contest di videomapping e una live performance a cura di InSynchLab e degli artisti coinvolti nel festival.

Bari > Mediateca Regionale

lunedì 3 giugno > Digital Pride chiude la propria offerta formativa con un talk presso la Mediateca Regionale di Bari su arti digitali e new media. La conferenza inizia alle 16 e vede tra i relatori Laura Tettamanzi e Carmen Andriani.

 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
08 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Di Roberta Apos, nota hair stylist salentina, ne abbiamo sentito parlare a lungo. Nel corso del tempo stile e professionalità l’hanno...

07 Ottobre 2017 - Salento

Salento - Domenica 8 ottobre tornano i live al Gianna Rock Cafè di Veglie (via Fratelli Bandiera), con la band Figli di Rock 'n' Roll. Nel corso della...

08 Agosto 2017 - Vernole

Vernole - Al Mediterraneo si fa baldoria in compagnia di "Midsummer Night", il party in notturna in programma mercoledì 9 agosto con start alle ore 23....



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner