Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Lunedì, 21 agosto 2017 - Ore 19:59

La performance di teatro danza “Terra” al Paisiello

La performance di teatro danza “Terra” al Paisiello

Lecce - Domenica 5 maggio, alle ore 21, al teatro Paisiello, Quarta Ipotesi Performing Arts Center presenta Terra

Attraverso la danza dell’unica protagonista della pièce Lucia Della Guardia, le musiche si Sergio Altamura e la progettazione drammaturgica e la regia di Umberto Binetti, Terra narra la storia, mai interrotta, del rapporto dell’uomo con la Natura e l’Ambiente, elementi determinanti perché  non si perda definitivamente il senso del nostro vivere sul pianeta Terra.

La performance di teatro danza “Terra”, produzione di Quarta Ipotesi - Performing Arts Center - continua il percorso del Gruppo iniziato con l’evento multietnico Oracles che nel 1997 chiuse la nona edizione del Festival Internazionale del Mediterraneo. Dopo dieci anni dedicati al teatro sperimentale seguendo la strada di Eugenio Barba di cui Umberto Binetti è stato allievo nell’ISTA del 1987, Quarta Ipotesi intraprende una sua autonoma idea del “fare teatro” legata al lavoro metodologico di Tadeutz Kantor sull’ottica della “condizione di morte”, necessaria all’attore per avvalersi di una dignità alta rispetto all’individuo spettatore.

Oracles (1997), Vlad navigatore (1998), Vlad navigatore… o della sua Ombra (1999), Foglie di guerra (2000), Dum al Cuore (2001), Co-Incidenze - Atto sulla follia (2003), Vuoi fare il cane? (2004), Padre passaporto (2005), Anime di sabbia (2006-2007), Answer us (2009), Vuoto pneumatico (2010), Terra (2011-2012), vede protagonisti sulla scena individui/attori formatisi nei laboratori che Quarta Ipotesi realizza in tutta Italia.

A tali “personaggi” al di là di una rigorosa formazione tecnica necessaria per l’uso del corpo come mezzo di comunicazione (la voce è considerata come un quinto arto), viene chiesta esclusivamente la disponibilità ad attraversare con assoluta dedizione il confine che delimita il mondo degli spettatori (indistinto e talvolta spersonalizzato) per inoltrarsi corpo e anima nel mondo del palcoscenico (simbolo del nuovo territorio) all’interno del quale si chiederà loro di non recitare (termine che nella vita di ogni giorno rappresenta negatività), di non interpretare (nella vita quotidiana interpretiamo sempre più parti a secondo della situazione che viviamo) ma di vivere l’individuo/personaggio assegnato.

Ciò che Kantor chiama, appunto, “condizione di morte” intendendo l’enorme dignità che assume un corpo/individuo, ai nostri occhi, quando ha attraversato l’ultimo grande confine. Così facendo il teatro si libera del suo elemento di spettacolarizzazione, donandoci momenti di vita reale vissuti sulla scena/spazio.

Recensione

Date le premesse, il progetto ‘Gener … Azioni Unite’ si conclude con uno spettacolo delicato e raffinato, dato dall’essenziale, ma curatissima, regia di Umberto Binetti, personalità eminente del teatro contemporaneo. “Una performance di teatro-danza che si basa sulle generazioni unite, perché al di là degli scarti generazionali, ci sono cose che non hanno età: gli alberi, la terra, il cielo … Sono elementi che uniscono le generazioni dando una garanzia di continuità”, così sostiene lo stesso Binetti.

La grazia dei movimenti di Lucia Della Guardia ruota attorno al contatto con la nostra terra, perché come recita all’inizio della performance: “La terra è nostra, è di tutti. Racchiude storie che ci appartengono … È nello spazio che resiste anche a questo tempo”. Un contatto con la natura teso al primigenio, al riportare lo spettatore in uno stadio iniziale, nel quale nessuna sovrastruttura possa impedirgli di viaggiare sull’onda dell’emozionalità.

L’attrice che, in un momento della performance appoggia una maschera sul suo volto, ci ricorda che ogni giorno ne indossiamo una, e che dovremmo staccarcene per ritrovare il senso più profondo della nostra esistenza. Una sacca piena di terreno, i fiori, il sole, i poveri indumenti, e le immagini dell’Alta Murgia come sfondo (gli scatti fotografici e la scenografia è a cura di Cosmo Mario Andriani) sono gli elementi attorno ai quali prende forma lo spettacolo. E attorno ai quali ruota l’attenzione delle spettatore che viene rapito dai sinuosi movimenti dell’interprete, fino a sentire quell’esigenza alla quale dà voce l’elegante ballerina-attrice: “Ho bisogno del vostro aiuto per ricominciare. […] Non voglio più dividermi nel corpo e nello spirito … Si deve poter cambiare, e farsi più piccoli per dormire nel nido degli uccelli … e più leggeri per dormire sui rami, e più sottili per passare attraverso le sbarre di qualunque cancello”. Più sottili per passare attraverso le sbarre di qualunque cancello: non avere limite alcuno. Neanche quello corporeo. Per riuscire a farsi essenza.

 

 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
08 Agosto 2017 - Vernole

Vernole - Al Mediterraneo si fa baldoria in compagnia di "Midsummer Night", il party in notturna in programma mercoledì 9 agosto con start alle ore 23....

08 Agosto 2017 - Racale

Racale - Lo spettacolo di Giuseppe Cacioppo intratterrà il pubblico del Torre Suda Bar in occasione del ventesimo anniversario del noto locale della...

04 Agosto 2017 - Minervino Di Lecce

Minervino Di Lecce - Da Londra, torna in Salento l'originale swing gypsy caratterizzato dal suono dell'arpa. Due serate all'insegna della musica gypsy jazz col...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner