Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Lunedì, 23 ottobre 2017 - Ore 22:34

Musica Nuda: A Lecce l’unica tappa pugliese del tour “Banda Larga”

Musica Nuda: A Lecce l’unica tappa pugliese del tour “Banda Larga”

Lecce - Fa tappa a Lecce sul prestigioso palco del teatro Politeama Greco, l’unica data pugliese di “Banda Larga” il nuovo tour di Musica Nuda, l’atipico duo “voice’n’bass” nato dall’incontro inaspettato tra Petra Magoni e Ferruccio Spinetti che, dopo il sold out della scorsa estate, torna a esibirsi nel capoluogo salentino con il nuovo disco “Banda Larga”, il primo album sinfonico nella storia musicale dei due.

Era il gennaio del 2003 quando Petra Magoni e Ferruccio Spinetti condividevano per la prima volta un palco. Da allora i due artisti hanno stretto un sodalizio che ha portato il progetto Musica Nuda al successo registrando sei dischi, vincendo importanti riconoscimenti (Targa Tenco 2006, miglior tour al Mei di Faenza, Les quatre clés de Télérama in Francia), ma soprattutto diffondendo la loro idea di musica in giro per Italia, Francia, Spagna, Olanda e molti altri paesi del mondo grazie a tantissimi concerti.

Per festeggiare i primi dieci anni di attività, Petra Magoni e Ferruccio Spinetti hanno pensato di mettersi in ghingheri, di vestire a festa la “musica nuda” con il disco “Banda Larga”, pubblicato per la celebre etichetta Blue Note, un’opera di venti brani inediti in cui per la prima volta voce e contrabbasso sono accompagnati da una intera orchestra.

A lavorare agli arrangiamenti dell’album e dirigere l’orchestra da Camera delle Marche è Daniele Di Gregorio che, con un lavoro da “fine sarto arrangiatore”, ha articolato un suggestivo discorso musicale scritto appositamente per questo importante anniversario. Di Gregorio, polistrumentista e collaboratore di Paolo Conte da molti anni, è stato capace di riposizionare stilisticamente la voce di Petra e il contrabbasso di Ferruccio lasciando però centrali i due strumenti.

Un po’ jazz, un po’ canzone d'autore, un po’ rock e anche musica classica: quando “la musica è nuda” non ci sono confini, il suono originalissimo di Petra e Ferruccio si insinua in ogni composizione e le restituisce vita nuova, dando prova di un eclettismo davvero sorprendente.

C’è un altro aspetto da non tralasciare. Musica Nuda è l’arte di rivalutare il “silenzio musicale” (quella chiave fondamentale e così spesso sottovalutata per entrare in contatto con l’emozione) cercando di esaltare il silenzio nella musica e la musica nel silenzio, riportando in primo piano il testo, la storia, il significato di ogni singola canzone, sia essa drammatica, allegra, energica, sentimentale, scanzonata.

Durante il live, Petra e Ferruccio porteranno in scena le canzoni del nuovo disco “Banda Larga”, alcuni grandi classici, cover rilette in chiave “Musica Nuda” (Guarda che luna, Il cammello e il dromedario, Non ho l’età, Come together e altre) e brani mai incisi dal duo.

Note scritte da Ferruccio e Petra nel booklet di “Banda Larga”

Il 10 gennaio 2003 ci siamo incontrati su un palco a Grottazzolina grazie all'invito del comune amico Roberto Piermartire e nasceva così il progetto Musica Nuda.

Da quella fredda sera, in cui per la prima volta le nostre sei corde vibrarono insieme, sono passati dieci anni di impegno, passione, di fatica e divertimento e sono successe cose bellissime che non avremmo mai immaginato potessero accadere.

Con questo disco vogliamo festeggiare insieme a voi questi primi 10 anni e nell'occasione abbiamo pensato di metterci in ghingheri, di vestire a festa la Musica Nuda.

È senz'altro un disco diverso e molti potrebbero chiedere "dov'è, in questo disco, la Musica Nuda?”. La nostra Musica Nuda è sempre qui, anche se sotto il vestito bello. Sta nell'approccio, nella sincerità e anche nella controtendenza: di questi tempi produrre un disco come questo è uno sforzo notevole da molti punti di vista (artistico, economico, di tempo....) che per noi vuole essere anche un messaggio di fiducia e di speranza, perché nonostante i tempi bui c'è e ci sarà sempre bisogno della musica, e se non sono i musicisti stessi a crederci per primi e a essere testimoni della sua importanza, chi dovrebbe farlo?

Speriamo che queste canzoni vi emozionino così come emozionano noi, le abbiamo scelte guidati dalla libertà e dall'istinto che da sempre contraddistinguono i nostri percorsi e sono state rivestite dall'orecchio attento del "sarto arrangiatore" Daniele Di Gregorio che ha mantenuto centrali la voce e il contrabbasso. È stato un incontro/confronto quello con Daniele, che ci ha arricchito artisticamente e umanamente e che proseguirà volentieri dal vivo quando sarà possibile. Buon ascolto”. Petra e Ferruccio.

BIO

Risale al 2003 il primo incontro tra Petra Magoni e Ferruccio Spinetti: Petra canta e Ferruccio è il contrabbassista degli Avion Travel (lo è stato dal 1990 fino al 2006). In quel periodo Petra Magoni ha in programma un mini-tour in alcuni piccoli club della “sua” Toscana con un amico chitarrista. Proprio il giorno del loro primo concerto in programma, quest’ultimo si ammala. Petra, invece di annullare la data, chiede a Ferruccio se ha voglia di sostituirlo all’ultimo minuto e lui d’impulso risponde sì. Il concerto ottiene un tale successo che i due protagonisti di questo “voice’n’bass” combo mettono insieme, nel giro di qualche settimana, un intero repertorio composto dalle canzoni che più amano e, di slancio, registrano in mezza giornata il loro primo album “Musica Nuda”, in uno studio vicino a Pisa. Musica Nuda diventa così, in modo del tutto naturale, il nome del progetto musicale e anche del loro duo.

Sebbene l'alchimia unica tra i due sia immediatamente evidente, Petra e Ferruccio non avrebbero mai immaginato di raggiungere traguardi così importanti in pochi anni: centinaia di concerti in Italia e all'estero, prestigiosi riconoscimenti (la Targa Tenco 2006, miglior tour al Mei di Faenza, Les quatre clés de Télérama in Francia), consensi da parte del pubblico e della stampa, apparizioni televisive e passaggi radiofonici sulle principali emittenti italiane ed estere. Tutto questo grazie all'impegno e al costante lavoro di Petra, di Ferruccio e di tante persone che, nel corso degli anni, hanno creduto in questo progetto, ma soprattutto grazie all'idea originale, colta e popolare, semplice e complessa che sostiene il progetto Musica Nuda.

In dieci anni i due producono cinque dischi in studio: “Musica Nuda”, registrato nel 2003 ma pubblicato un anno dopo; “2”, doppio album uscito nel 2006 che vede la partecipazione di numerosi ospiti come Stefano Bollani, Fausto Mesolella, Nicola Stilo, Erik Truffaz; “55/21”, uscito nel 2008 per la prestigiosa etichetta Blue Note; “Complici” uscito nel 2011 sempre per la Blue Note; “Banda Larga” uscito a gennaio 2013 per la Blue Note.

A questi si aggiunge “Quam Dilecta” (2006), un disco di musica sacra realizzato nella Chiesa di San Nicola di Pisa dove Petra cantava da bambina, e “Musica Nuda live à Fip” (2007) album dal vivo registrato nell'Auditorium di Radio France a Parigi nel febbraio 2007.

A giugno 2006 è uscito anche il dvd “Musica Nuda – Live in Paris” che contiene un intero concerto e un bel ritratto-intervista dei due protagonisti.

Il tour di Musica Nuda non si è davvero mai fermato. Petra Magoni e Ferruccio Spinetti hanno portato il loro progetto in importanti rassegne italiane e internazionali suonando sui principali palchi italiani e riuscendo a raggiungere anche prestigiosi spazi internazionali come l’Olympia di Parigi e città importanti come Madrid, Tunisi, Salisburgo, New York, Toronto, Pechino, San Pietroburgo, Quito, Mosca, Istanbul e stati come l’Olanda e la Polonia. Inoltre sono stati ospiti del Tanz Wuppertal Festival di Pina Bausch e sempre in Germania hanno aperto i concerti di Al Jarreau riportando ovunque un grande successo.

Nello stesso tempo, Petra è stata la Regina della Notte ne “ Il Flauto Magico secondo l’Orchestra di Piazza Vittorio”, la voce solista nei concerti sacri di Duke Ellington con la Big Band dell’Auditorium di Roma e il Coro dell’Accademia di Santa Cecilia.

Nel luglio 2011 hanno debuttato nella prestigiosa cornice del festival shakespeariano presso il teatro romano di Verona nello spettacolo “Sogno di una notte de mezza estate” con la regia di Gioele Dix. In questa rappresentazione, che è stata portata in giro per l'Italia fino al dicembre 2012, Petra ha interpretato, cantando e recitando, il ruolo del folletto Puck mentre Ferruccio è stato il “One Man Orchestra” con musiche scritte appositamente e/o facenti parte del repertorio di Musica Nuda.

Da gennaio 2013 Musica Nuda è in tour con il primo disco sinfonico “Banda Larga”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
22 Ottobre 2017 - Nardò

Nardò - Nuovi imperdibili appuntamenti con la cover band di Luciano Ligabue “Figli di Rock 'n' Roll”. Venerdì 27 ottobre il gruppo si...

08 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Di Roberta Apos, nota hair stylist salentina, ne abbiamo sentito parlare a lungo. Nel corso del tempo stile e professionalità l’hanno...

07 Ottobre 2017 - Salento

Salento - Domenica 8 ottobre tornano i live al Gianna Rock Cafè di Veglie (via Fratelli Bandiera), con la band Figli di Rock 'n' Roll. Nel corso della...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner