Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 19 agosto 2017 - Ore 13:28

"La religione del mio tempo" al Womb

"La religione del mio tempo" al Womb

Cavallino - Venerdì 29 marzo (ore 21.00 - ingresso 10 euro) al Womb di Lecce, in collaborazione con Uasc e Coolclub, approda La religione del mio tempo, un evento unico promosso da MEI e Lunatik in tour solo da marzo a giugno per poche e selezionate date in tutt’Italia. Dopo aver interpretato poeti come Majakovskij o Esenin, Pierpaolo Capovilla affronta il più lucido interprete della modernizzazione capitalistica e del mutamento antropologico della società italiana, riscoprendo e facendo conoscere ai più giovani la necessaria poesia di Pierpaolo Pasolini. Prima del reading ci sarà un incontro con Capovilla a cura di Mimmo Pesare. A seguire dj set di Serpentine e PsycoCandy. 
Lo spettacolo andrà in scena anche sabato 30 marzo al Teatro Kismet di Bari.

“La poesia di Pasolini – sottolinea il cantante del Teatro degli Orrori – narra il cuore oscuro della contemporaneità ed è ancora oggi impietosa denuncia di come siamo cambiati, e cosa siamo diventati, in questi tempi di incertezza morale ed ostentato narcisismo. Ecco perché Pasolini è ancora così contemporaneo. La sua opera poetica, inspiegabilmente dimenticata, fu critica feroce dell’oblio dei valori della Resistenza, e narrazione di una società, quella italiana, incapace di farsi più uguale e più giusta. Il collerico e amorevole verso pasoliniano, è poesia che ancora illumina di speranza l’oscurità dei nostri giorni”. La performance si divide in tre atti: “La ballata delle madri”, “La religione del mio tempo”, “Una luce”. La lettura è accompagnata da Kole Laca, musicista albanese anche lui collaboratore del Teatro degli Orrori, al piano e live electronics con musiche di Steve Reich, Scott Walker e dello stesso Laca.

Pier Paolo Capovilla, nel 1996 fonda con Massimo Sartor il gruppo noise rock One Dimensional Man. Nel 2006 interrompe l'attività col gruppo per iniziare, assieme a Giulio Favero, che aveva fatto parte del gruppo dal 2000 al 2004, un nuovo progetto, Il Teatro degli Orrori, dove Capovilla canta in italiano. Nel 2010 riforma con Favero e Luca Bottigliero One Dimensional Man. Nel 2011 Capovilla compie un tour teatrale dove legge testi del poeta russo Vladimir Vladimirovič Majakovskij, accompagnato da Giulio Favero, che cura il sottofondo musicale. Il progetto è un reading musicale in due atti: Eresia socialista e Eresia dell’amore. Sempre nel 2011 fa una breve comparsa nel film I primi della lista. Nel 2012 accompagna lo scrittore e musicista torinese Matteo De Simone (cantante e bassista dei Nadàr Solo) in un tour di letture tratte dal romanzo di De Simone "Denti guasti", con l'accompagnamento musicale di Daniele Celona. Sempre nel 2012 co-scrive e duetta con Marina Rei nel brano E mi parli di te singolo di lancio del nuovo album di inediti della cantautrice polistrumentista romana. Nel 2013 va in tour con i Nadar Solo, con cui ha collaborato Il Teatro degli Orrori.

Kole Laka è musicista e insegnante. Kole è arrivato in Italia nel 1992 per studiare scienze politiche, non appena finiti gli studi si è dedicato totalmente alla musica. Attualmente collabora con Il teatro Degli Orrori e fa parte dei 2Pigeons.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
08 Agosto 2017 - Vernole

Vernole - Al Mediterraneo si fa baldoria in compagnia di "Midsummer Night", il party in notturna in programma mercoledì 9 agosto con start alle ore 23....

08 Agosto 2017 - Racale

Racale - Lo spettacolo di Giuseppe Cacioppo intratterrà il pubblico del Torre Suda Bar in occasione del ventesimo anniversario del noto locale della...

04 Agosto 2017 - Minervino Di Lecce

Minervino Di Lecce - Da Londra, torna in Salento l'originale swing gypsy caratterizzato dal suono dell'arpa. Due serate all'insegna della musica gypsy jazz col...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner