Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 23 novembre 2017 - Ore 13:45

Ilva: approvato il decreto "Salva Ilva"

Ilva: approvato il decreto "Salva Ilva"

Taranto - Dopo sei ore di riunione del Consiglio dei ministri ed un braccio di ferro con i lavoratori durato mesi, è arrivato il via libera al decreto legge "Salva Ilva".

Il Consiglio dei Ministri ha stabilito che la società "abbia la gestione e la responsabilità della conduzione degli impianti e che sia autorizzata a proseguire la produzione e la vendita per tutto il periodo di validità dell'Aia della durata di sei anni.

L'Ilva inoltre, è tenuta a rispettare le prescrizioni. Il Decreto, prevede l'introduzione di una "figura di garanzia", che possa rappresentare tutte le parti coinvolte. "Il garante - ha spiegato il sottosegretario Antonio Catricalà - deve essere una persona di indiscussa indipendenza, competenza ed esperienza e sarà proposto dal ministro dell'Ambiente, dal ministro dell'Attività Produttive, e della Salute e sarà nominato dal presidente della Repubblica".

"Qualora non venga rispettato il piano di investimenti necessari alle operazioni di risanamento, il decreto introduce un meccanismo sanzionatorio che si aggiunge al sistema di controllo già previsto dall'Aia",

Mentre "In caso di inadempienze per l'Ilva - ha spiegato a tal proposito il ministro dell'Ambiente Corrado Clini - restano tutte le sanzioni già previste ed in più è stata introdotta un'ulteriore sanzione sino al 10% del fatturato annuo dello stabilimento".

Il Decreto inoltre, introduce interventi possibili sulla proprietà stessa, in pratica, qualora i vertici dell'Ilva non si dovessero attenere al Decreto, il Governo potrà nominare la fugura di uno o più garanti che diano attuazione a quanto prescritto.


Nel lungo intervento, dopo l'approvazione del Decreto il Presidente del consiglio Mario Monti ha dichiarato: "Non è un decreto salva Ilva, ma "salva ambiente, salute e lavoro".


"Non possiamo ammettere che ci siano contrapposizioni drammatiche tra salute e lavoro, tra ambiente e lavoro e non è neppure ammissibile che l'Italia possa dare di sé un'immagine, in un sito produttivo così importante, di incoerenza. L'intervento del governo è stato necessario perchè Taranto è un assetto strategico regionale e nazionale"


"Questo caso è la plastica dimostrazione degli errori reiterati nel tempo e delle incoerenze di molte realtà, sia imprenditoriali che pubblico-amministrative, che si sono sottratte, nel corso del tempo, alla regola della responsabilità, dell'applicazione e del rispetto della legge".

La strada del decreto è stata intrapresa spiega Monti per cercare di evitare "un impatto negativo sull'economia stimato in otto miliardi di euro annui".

Azzurra Monaco


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner