Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 24 novembre 2017 - Ore 21:37

Terremoto nella notte tra Belluno e Pordenone, nessun danno

Terremoto nella notte tra Belluno e Pordenone, nessun danno

Italia - Una scossa di magnitudo 4.5 è stata registrata, alle 4.04 di questa mattina, nella zona delle Prealpi Venete. Il terremoto è stato, più precisamente, localizzato tra le province di Belluno e Pordenone. 
Non sono stati segnalati, però, danni alle persone o agli edifici.
La paura, tuttavia, è stata tanta: la gente è uscita dalle case in preda al panico, ma vi è rientrata poco dopo. 
Il terremoto è avvenuto a 7,1 chilometri di profondità.

SCOSSA A FINALE EMILIA- Questa mattina, alle 7.47, è stata registrata una scossa di magnitudo 3 a Ginale Emilia, con una profondità pari a 8,5 chilometri. 
Inoltre, è stato localizzato in mare, al largo delle coste siracusane, un terremoto di magnitudo 2.3.
L'evento sismico è stato registrato alle 5.01 ad una profondità di oltre 26 chilometri e non sono stati riportati danni. 

GOVERNO- Il Governo, assieme al presidente della Emilia Romagna, Vasco Errani, al capo Dipartimento della Protezione civile, Franco Gabrielli e agli esponenti della commissione Grandi rischi, presieduta da Luciano Maiani stanno conducendo un esame approfondito della situazione.
Il premier, Mario Monti, ha dichiarato: "Non esistono oggi metodi scientifici di previsione di terremoti a breve periodo, ma la conoscenza del sottosuolo, le faglie e gli eventi succedutisi dal 20 maggio in poi permettono di formulare alcuni orientamenti per l'evoluzione futura, alla luce dei quali abbiamo predisposto una intensificazione di tutte le attivita".
Franco Gabrielli, invece, ha garantito che nei prossimi giorni si accelereranno le verifiche e la messa in sicurezza di edifici pubblici e privati in Emilia Romagna grazie all'arruolamento di ulteriori 300 unità dei vigili del fuoco.

DANNI DEL TERREMOTO DEL 29 MAGGIO- La scossa che si è verificata, nel modenese, il 29 maggio, ha sollevato il suolo fino a 12 centimetri. I dati, raccolti dai satelliti radar Cosmo-SkyMed, dell'Agenzia Spaziale Italiana (Asi), sono stati utilizzati da Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) e Istituto per il rilevamento elettromagnetico dell' ambiente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Irea-Cnr).
In altre zone, in particolare nell'area di Finale Emilia, il suolo si è invece abbassato fino a 3 centimetri.

Marcella Barone


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner