Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 17 agosto 2017 - Ore 19:38

Terremoto in Emilia: quattro morti, un disperso e decine di feriti

Terremoto in Emilia: quattro morti, un disperso e decine di feriti

Italia - Terremoto magnitudo 6 in Emilia Romagna.
All'alba, in tutto il Nord Italia, è stata avvertita la forte scossa il cui bilancio è di quattro morti, un disperso e, per il momento, una cinquantina di feriti.
Le vittime del reparto monocottura della Sant'Agostino Ceramiche, dov'è crollato il tetto della fabbrica, sono Nicola Cavicchi e Leonardo Ansaloni, che avrebbero terminato il loro turno lavorativo alle 6.
A Ponte Rodoni, località di Bondeno, è morto, colpito da una trave, un operaio marocchino di 29 anni, mentre una donna di 37 anni è deceduta a Sant'Alberto di San Pietro in Casale, nel Bolognese, per un malore provocato dal forte spavento.
Risulta disperso un operaio che lavorava alla fonderia Tecopress. In questi momenti carabinieri e vigili del fuoco stanno rimuovendo le macerie della fonderia nella speranza di trovarlo ancora vivo.

La scossa e' stata registrata dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia alle 4.04, seguita da due repliche di minore intensità: una di 3.3 alle 5.35 e un'altra di 2.9 alle 5.44.
L'epicentro nella pianura padana emiliana, ipocentro a una decina di chilometri di profondita', sempre nella stessa zona, in provincia di Modena.

Il terremoto ha colpito soprattutto i beni architettonici: parzialmente crollata la Torre dell'Orologio, il mastio della Rocca cittadina, il campanile del cimitero monumentale ed è rimasta solo la facciata della Torre dei Modenesi.
Le forze dell'ordine sono, tuttavia, riuscite a ristabilire la tranquillità tra la cittadinanza, che ha l'obbligo di restare in strada fino alle 14 per precauzione.

Sono ingenti anche i danni nel Ferrarese, dove sono crollate diverse case coloniche ed edifici storici.
Il capo della Protezione civile, Franco Gabrielli, è in arrivo a Ferrara e si dovrebbe, poi, spostare a Modena.
Insieme ai colleghi della Protezione civile dell'Emilia-Romagna e alle altre forze, si farà il punto sulla situazione del terremoto che ha colpito l'Emilia nella notte, per redigere un piano degli interventi più urgenti.

Le zone più colpite sono quella del Modenese e del Ferrarese. Si tratta di 'zone 3', cioé a sismicità bassa, in una scala che va da 1 (zona a sismicità alta) a 4 (sismicità molto bassa).

Marcella Barone


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner