Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 18 novembre 2017 - Ore 15:06

Aereo precipita a Taranto, ultimo volo per padre e figlio

Aereo precipita a Taranto, ultimo volo per padre e figlio

Taranto - Ricostruite, dalle testimonianze di chi ha assistito alla terribile scena, le dinamiche della caduta in picchiata dell'aereo ultraleggero che ieri, intorno alle 19.00, è precipitato nelle campagne di Torricella. Nel tragico evento hanno perso la vita padre e figlio, Pietro Della Corte, che pilotava il velivolo, e il figlio Mattia, di appena 15 anni.

Della Corte, 40enne di Francavilla Fontana di professione ingegnere, era un pilota esperto, che condivideva col figlio la passione per il volo, per quel senso di libertà che li avvolgeva una volta fra le nuvole all'interno del loro "Sparviero".

Erano due i velivoli in volo in quel momento, quello di Pietro Della Corte e un secondo guidato da Giovanni Nicolardi con a bordo Andrea Castellaneta.
Nicolardi, che viaggiava dietro lo "Sparviero", ha visto l'intera scena: l'aereo si trovava a circa 100 metri di altezza quando, improvvisamente, si è avvitato e, perfettamente in verticale, si accingeva a precipitare al suolo. Non c'era alcuna manovra di salvezza da poter attuare.

"Ho visto l’aereo avvitarsi e precipitare", ha dichiarato Gianni Nicolardi, "subito ho fatto manovra per evitarlo e cambiare immediatamente rotta".
L'aereo si è schiantato nel giro di pochi secondi e il violento impatto col terreno ha provocato l'esplosione dei serbatoi e, successivamente, dell'intero velivolo.
I corpi di padre e figlio sono stati sbalzati fuori, a dieci metri di distanza, ormai senza vita.

L'arrivo della moglie, medico al Pronto Soccorso dell'ospedale di Francavilla, ha concluso una domenica in cui la morte ha fatto totalmente dimenticare la vicina estate, il sole, il cielo terso nel quale i due hanno compiuto l'ultimo volo.
La donna ha subito compreso, dall'assenza di ambulanze, che il figlio e il marito erano morti.
Poi, ha visto i lenzuoli bianchi sotto i quali giacevano i corpi dei suoi cari e un urlo ha squarciato quell'irreale silenzio.
La speranza di tutti i testimoni presenti è che almeno Mattia non si sia reso conto della tragedia che stava per consumarsi e che abbia apprezzato appieno quei felici momenti prima della fine.

Marcella Barone


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner