Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 23 novembre 2017 - Ore 03:05

Falso invalido, i danni ammontano a 150 mila euro

Falso invalido, i danni ammontano a 150 mila euro

Nardò - Ammonta a 150 mila euro il danno erariale segnalato alla Procura Regionale della Corte dei Conti di Bari nei confronti di un dirigente e di 4 funzionari della direzione operativa del presidio ospedaliero di Copertino - Nardò.
La Compagnia di Gallipoli, nel 2011, a seguito di attività investigative, ha scoperto un falso invalido, 60enne, originario di Nardò, il quale, a partire dall’anno 1976, era stato riconosciuto affetto da cecità e aveva ottenuto l’iscrizione all’albo nazionale professionale dei privi della vista abilitati alla funzione di centralinista. In regione di tale certificazione, l’uomo era stato assunto, quale centralinista telefonico in una struttura ospedaliera della Provincia.
Nel 1999, non avendo presentato la dichiarazione di responsabilità riguardo alla sussistenza dei requisiti per l’assunzione diretta, il centralinista fu sottoposto, d’ufficio, a visita di controllo, a seguito della quale veniva riconosciuta un’invalidità civile per patologie della vista solo nella misura del 40%. Una volta accertata l’insussistenza dei requisiti di cui sopra e, pertanto, al venir meno dei presupposti per ricoprire quel posto di lavoro, la citata normativa prevede l’obbligo della risoluzione di diritto del rapporto di lavoro a decorrere dalla data di accertamento da parte della commissione medica.
In violazione di quanto normativamente disposto, i dirigenti sanitari, invece di risolvere il rapporto di lavoro, dichiararono l’invalido, con delibera dell’ottobre 2001, non idoneo alle mansioni di telefonista, attribuendogli l’incarico di addetto al protocollo. Pertanto, nel giugno del 2011, il protocollista è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Lecce per truffa aggravata ai danni dello Stato.
Furono inoltre denunciati, per abuso d’ufficio, il dirigente ed i quattro funzionari della direzione operativa del presidio ospedaliero interessato, per aver corrisposto all’invalido emolumenti e compensi accessori non dovuti nel periodo ottobre 2001 - dicembre 2011, ammontanti, appunto a circa 150 mila euro.

Marcella Barone


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner