Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 22 novembre 2017 - Ore 10:27

Denunciato santone 46enne

Denunciato santone 46enne

Leverano - I carabinieri della stazione di Guagnano, diretti dal maresciallo Matteo De Luca, hanno avviato un'attività d'indagine che hanno riguardato l'attività di un santone di 46 anni di Leverano. L'uomo è stato denunciato per truffa, estorsione, abuso della credulità popolare, offesa alla confessione religiosa e plagio. Ora s'attendono risvolti penali.

Decisive saranno anche le testimonianze raccolte da alcuni investigatori, fornite al sostituto procuratore, Francesca Miglietta, ed il racconto di una 40enne di Bari, parallizzata a letto dal 2007. La donna ha dichiarato di essere stata assalita da sconforto e paura,  in seguito alla partecipazione alle riunioni organizzate dall'indagato, incontri che l'avrebbero indotta al suicidio. La donna ne è uscita viva, se non fosse per la disabilità degli arti inferiori. L'uomo è stato denunciato e ciò potrebbe essere decisivo per definire il quadro accusatorio.

Dalle indagini dei carabinieri è emerso che le donne vittime del 46enne, dopo aver subito minacce, angherie e abusi sessuali, hanno timore di uscire allo scoperto per i possibili giudizi della gente, che svelerebbero dati alquanto personali.

Al momento, infatti, sono state formalizzate solo due denunce, mentre delle altre undici persone sono state ascoltate solo le dichiarazioni.
Alla vicenda s'aggiunge il tassello dei rituali satanici e questo è stato possibile grazie alla collaborazione silenziosa di un sacerdote specializzato nei fenomeni di esorcismo e pratiche sataniche, che sarebbero state esercitate sulle vittime.

Dalle dichiarazioni delle vittime è emerso che capitava di emettere acqua e sostanza ematica, di perdere conoscenza e memoria. Molto probabile è l'utilizzo di sostanze stupefacenti dell'uomo nei confronti delle donne. Inoltre, le vittime erano psicologicamente dipendenti da quest'uomo da abbandonare le famiglie e temerlo tanto da urinarsi addosso, davanti agli altri componenti della setta.

Non si tratta di un semplice plagiatore ma di una mente davvero perversa in grado di rendere veri burattini tutti coloro che incappavano nella sua rete.
L'uomo avrebbe avvicinato molte donne, instaurando relazioni sentimentali.

Ora sulle dichiarazioni fatte dalle due coraggiose donne,  una di Porto Cesareo ed una Barese,  i carabinieri stanno portando avanti le indagini.

Daniela De Angelis


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner