Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 23 novembre 2017 - Ore 21:36

Arrestato pluripregiudicato per violazione di domicilio e violenza

Arrestato pluripregiudicato per violazione di domicilio e violenza

Nardò - I militari della Stazione di Nardò hanno ieri sera tratto in stato di arresto, in flagranza di reato, MICCOLI Cosimo, 40enne di Nardò, pregiudicato per lesioni personali, porto abusivo e detenzione di armi, rapina, resistenza a p.u., furto, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione e violenza privata con l’accusa di VIOLAZIONE DOMICILIO di AGGRAVATA E VIOLENZA PRIVATA – MINACCIA – INGIURIA – DANNEGGIAMENTO commessi ricorrendo a minacce fisiche e verbali. L’attività lampo dei Carabinieri della Stazione di Nardò inizia nel pomeriggio di ieri quando una telefonata giunge alla Centrale Operativa della Compagnia di Gallipoli in cui si sente una donna in lacrime perché, a suo dire, un “pazzo” gli era entrato in casa e “stava distruggendo tutto” minacciando ed ingiuriando lei, il proprio marito ed anche i loro piccoli figli. I Carabinieri della Stazione di Nardò si sono quindi precipitati sul posto dove hanno trovato il MICCOLI ancora intento a “sfasciare” ogni cosa, ma nessuna traccia c’era dei proprietari dell’abitazione che, infatti, impauriti e per proteggere i propri figli si erano rifugiati in casa del suocero di lei, distante poche decine di metri. Bloccato il malvivente le vittime sono tornate in strada ed hanno raccontato l’accaduto ai militari fornendo loro anche un video in cui avevano ripreso, a distanza, l’ intera successione dei fatti. La surreale vicenda, benché fortunatamente conclusasi senza danni a persone non convinceva ancora però i Carabinieri di Nardò che infatti non erano in grado di spiegarsi il movente di tutto ciò stante il fatto che ai coniugi nessuna richiesta di denaro era stata fatta (rapina - estorsione) né era stato sottratto alcunché dall’abitazione (furto). Solo dopo qualche minuto, all’interno della caserma si è arrivati ad acclarare le motivazioni alla base di tale ira funesta: l’arrestato infatti intratteneva una relazione sentimentale extraconiugale con la donna proprietaria dell’abitazione e pretendeva che questa lasciasse marito e figli per andare a convivere con lui… dopo un ennesimo rifiuto si è scatenata la rabbia cieca del MICCOLI che lo ha portato ai fatti di ieri pomeriggio. Espletate le formalità di rito il MICCOLI è stato accompagnato nella propria abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa del processo per direttissima.


Foto relative alla notizia

Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner