Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 18 ottobre 2017 - Ore 22:06

"Pacco" senza smartphone, una denuncia per truffa

"Pacco" senza smartphone, una denuncia per truffa

Gallipoli - I Carabinieri della Stazione di Gallipoli hanno deferito in stato di libertà C.M., romano di venticinque anni, già noto, per il reato di truffa aggravata e continuata. Il sistema è sempre il medesimo: inserzione su siti internet (ritenuti tra i più affidabili) di annunci di compravendite di smartphone a prezzi ultraconvenienti, attendendo che qualcuno si faccia avanti per l’acquisto. Trovato l’acquirente, una donna di Lecce, alla quale, la scorsa estate era appena stato rubato il cellulare, il malvivente si è fatto inviare mediante ricarica postepay un anticipo di euro 500 per l’acquisto di uno smartphone di ultima generazione, la cui versione, peraltro, non era ancora stata commercializzata in Italia ed il cui costo (vantaggiosissimo) sarebbe stato di complessivi 650 euro, contro i 900 dollari ai quali era venduto nel medesimo periodo negli Stati Uniti, unico Paese nel quale era in commercio in quel periodo, per poi far perdere ogni traccia di sé, come pure del sito di annunci, disattivando l’utenza mobile utilizzata per il contatto.

L’indagine che ha portato alla denuncia del soggetto è nata da una dichiarazione presentata dalla vittima, alla Stazione di Gallipoli, ed ha visto i militari dell’Arma impegnati in controlli sui siti internet interessati, per la difficile ricerca delle vere generalità del soggetto venditore, presentatosi con nome inventato e corrispondente ad altra persona ma estranea alla vicenda. L’utilizzo di generalità di un soggetto realmente esistente ma estraneo ai fatti nonché di una società realmente esistente ed attiva in transazioni online di telefoni smart di ultima generazione e specializzata proprio nell’importazione di questi apparecchi dai Paesi dove compaiono prima sul mercato all’Italia, peraltro considerata tra le più affidabili, ed anch’essa ignara di tutto, ha ulteriormente complicato la ricerca del colpevole e solo grazie all’analisi della carta postepay beneficiaria della transazione ed alla articolata e complessa comparazione tra i dati della stessa ed i log dei pc impiegati dal venditore, si è potuto completare il quadro indiziario e smascherare il giovane truffatore romano. Ulteriori indagini sono in corso allo scopo di individuare eventuali altre vittime di questo sistema odioso, che consente di carpire danaro, facendo leva sulla fiducia.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner