Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 22 novembre 2017 - Ore 17:46

Furto nell’ex area della Marina Militare di San Cataldo. Due denunce

Furto nell’ex area della Marina Militare di San Cataldo. Due denunce

Lecce - Nel pomeriggio di ieri, una volante si è recata a San Cataldo presso la ex base della Marina Militare dove erano state segnalate  delle persone con un furgone di colore bianco che stavano rubando degli infissi. La volante giunta sul posto  notava all’interno della caserma ormai dismessa , nascosto tra la vegetazione, un furgone Iveco  bianco  e nelle immediate vicinanze si udivano delle voci di persone che si davano alla fuga in direzione della boscaglia. 

Con l’ausilio di un’altra volante , i poliziotti si ponevano alla ricerca dei malfattori, ma questi facevano perdere le loro tracce  approfittando del buio. All’interno del furgone , abbandonato durante la fuga, vi erano numerosi telai in alluminio di porte e finestre  asportati dall’interno dei diversi edifici che comprendono l’ex base della Marina Militare, mentre nelle immediate vicinanze vi era un secchio in plastica contenente diversi arnesi atti allo scasso, inoltre , il cancello d’ingresso era aperto, vistosamente forzato e danneggiato. 

Si accertava che il furgone non risultava compendio di furto e il proprietario del mezzo  veniva invitato in Questura dove affermava di aver venduto il furgone a tale D.A. una galatinese del’78 ed esibiva l’atto di vendita datato 1.12.2015 . Verso le ore 18.35 si presentava spontaneamente D. A. per sporgere denuncia in ordine al furto del furgone.

Nel contempo giungeva in questi uffici la volante con il furgone che  la donna riconosceva e si stupiva del ritrovamento. Gli operatori mostravano alla Signora alcuni documenti rinvenuti all’interno del furgone intestati ad un cittadino slavo del 63, attualmente senza fissa, che la donna dichiarava essere il suo compagno e che veniva anch’egli sentito in merito ai fatti.

Attesa la contraddittorietà delle dichiarazioni fornite dai due, essi venivano indagati in stato di libertà per simulazione di reato e favoreggiamento personale . Lo straniero veniva anche invitato a presentarsi presso l’ufficio Immigrazioni  per ulteriori accertamenti sulla sua posizione sul territorio nazionale. Considerato che il furgone era sprovvisto di copertura assicurativa la donna veniva sanzionata secondo il codice della strada.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner