Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 19 novembre 2017 - Ore 22:48

Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro: il consuntivo del 2015

Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro: il consuntivo del 2015

Lecce - Anche il 2015 è stato un anno contrassegnato dalla recrudescenza del fenomeno del lavoro nero e dei reati in tema di sicurezza sui luoghi di lavoro. Ciò è quello che emerge dall’esame dei dati salienti dell’attività del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Lecce, a consuntivo delle ispezioni effettuate nell’anno che si è appena chiuso, in sinergia con la Direzione Territoriale del Lavoro e con i colleghi dell’Arma Territoriale di tutta la provincia di Lecce. Su un totale di 624 aziende ispezionate, 317 sono quelle che a vario titolo sono risultate irregolari e di queste 1 del tutto sconosciuta alla pubblica amministrazione. Il settore dove è stata riscontrata la maggior incidenza percentuale di irregolarità è risultato quello edile in cui, su un totale di 145 aziende ispezionate, ben 123 sono quelle nei cui confronti sono stati adottati provvedimenti di natura amministrativa e penale. Sono invece 118 le aziende ispezionate operanti nel settore del commercio, 103 quelle agricole, 71 gli alberghi e pubblici esercizi, con irregolarità che sono state rilevate per oltre il 73% di esse, con picchi, come detto, nel settore edile e in quello agricolo (89 aziende irregolari su 103 ispezionate). Le ispezioni “tecniche”, vale a dire gli accertamenti tesi alla verifica delle condizioni di sicurezza sui luoghi di lavoro, hanno riguardato altre 201 aziende.

I Carabinieri del NIL hanno esaminato la posizione lavorativa di 1537 lavoratori di cui 1.068 uomini e 469 donne. Sono 629 i lavoratori irregolari che rappresentano più del 41% del totale di quelli esaminati. Totalmente “in nero” sono stati invece scoperti ben 319 lavoratori. Sono 97 in tutto i lavoratori extracomunitari controllati, di cui 25 “in nero” e altri 23 assunti con  rapporti di lavoro risultati a vario titolo irregolari. Sono 3 i lavoratori extracomunitari scoperti in stato di clandestinità. Le nazionalità dei lavoratori extracomunitari maggiormente rappresentate sono risultate quella albanese (25),  marocchina (14), tunisina (11) e ghanese (7). I lavoratori minori identificati nel corso delle ispezioni dai Carabinieri del NIL sono stati 14 di cui solo 1 non italiano. Per 7 di loro sono state accertate irregolarità riferite alle condizioni di sicurezza sui luoghi di lavoro e alle norme sul collocamento. Sospesa l’attività imprenditoriale di 80 aziende per occupazione di lavoratori in nero in misura superiore al 20% della forza lavoro regolarmente impiegata, per un totale di sanzioni amministrative contestate e riscosse di € 154.200,00, che hanno consentito la ripresa della attività lavorative. I settori maggiormente interessati ai provvedimenti di interdizione sono stati quello dell’edilizia (con 31 sospensioni) e quello dell’agricoltura (con 20 sospensioni). Nel 2015 sono state contestate 352 sanzioni amministrative, per un importo complessivo di € 1.381.851,25 di cui € 148.399,40 già riscossi. Le violazioni accertate hanno riguardato prevalentemente il fenomeno del lavoro nero e la omessa o errata tenuta del Libro Unico del Lavoro. Sono state 179 le prescrizioni penali impartite in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, per un totale di € 213.694,40 versati dai contravventori in sede di oblazion, che hanno consentito loro di evitare l’azione penale. Sono 603.895,26 euro, infine, i contributi previdenziali e premi assicurativi recuperati alle casse dell’INPS e dell’INAIL.

Notevole è stata l’attività ispettiva operata dai militari del NIL con le altre Forze dell’Ordine e in particolare con i colleghi dell’Arma Territoriale, in forza di protocolli d’intesa operanti fra il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri e il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. In tutto sono state eseguite ben 241 ispezioni congiuntamente a militari dei Comandi Territoriali dell’Arma dei Carabinieri, 2 anche con la Polizia di Stato, 1 con la G.d.F., 1 con i VVUU. Un cenno a parte merita l’attività svolta nell’ambito del contrasto all’endemico fenomeno dei fittizi rapporti di lavoro in agricoltura, instaurati al fine di consentire ai falsi braccianti di percepire le prestazioni di disoccupazione, maternità ed altro, erogate dall’INPS. Nello specifico settore i militari del NIL, nel mese di Luglio 2015, hanno denunciato a piede libero all’Autorità Giudiziaria competente 93 persone e accertato una truffa ai danni dell’Istituto Previdenziale per un importo di € 691.102,05.

Da una breve analisi dei dati sopra evidenziati, che possono considerarsi un significativo spaccato della situazione del mondo lavorativo di questa provincia, si può osservare come, a causa della contrazione ai minimi storici del settore manifatturiero, scarsa è stata l’incidenza numerica e percentuale delle ispezioni in questo ambito. Nonostante la grave crisi, invece, l’edilizia continua a rappresentare il settore portante dell’economia salentina. In mezzo a molte contraddizioni, esso è risultato quello con il maggior numero di addetti, anche in termini percentuali. La vigilanza nel settore turistico – alberghiero, concentrata soprattutto nel periodo estivo, ha permesso di fotografare una discreta situazione in termini di rispetto degli istituti legali e contrattuali nei confronti dei lavoratori addetti: solo 1 azienda su 4 è risultata non in regola. Molta attenzione è stata riservata al settore agricolo, soprattutto in concomitanza delle campagne di raccolta dei pomodori e dell’anguria, nonché nel periodo della vendemmia, per contrastare il fenomeno dello sfruttamento lavorativo accertato in altri anni. Molto basso in assoluto è risultato infine il numero di lavoratori minori degli anni 18, rispettando il trend degli anni precedenti: in tutto sono stati sentiti 14 ragazzi fra i sedici e i diciotto anni, tutti impiegati nei mesi estivi nel settore turistico alberghiero. Il dato se da un lato evidenzia che in questa provincia non si registra alcun fenomeno di sfruttamento del lavoro minorile, dall’altro testimonia come i giovani approccino al mondo del lavoro ad un’età sempre maggiore.

untitled


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner