Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 20 agosto 2017 - Ore 10:00

Perseguita una donna e la tartassa di messaggi. Nei guai 38enne

Perseguita una donna e la tartassa di messaggi. Nei guai 38enne

Specchia - Nella mattinata di sabato 23 ottobre, i Carabinieri della Stazione di Specchia hanno tratto in arresto Cosi Romualdo, 38enne di Specchia, già noto alle Forze dell’Ordine, ottemperando ad una Ordinanza di Custodia Cautela emessa dal Tribunale di Lecce, poiché riconosciuto responsabile di “Atti persecutori (cosiddetto Stalking)”. Questi i fatti. Cosi Romualdo nel 2013 si era invaghito “non corrisposto” di una donna della zona ed aveva iniziato a tormentarla fino a che quest’ultima, ormai stufa di essere seguita e pedinata oltre ad essere perseguitata con SMS e messaggi tramite Whatsup e su Facebook aveva sporto denuncia contro di lui. Questo è avvenuto a fine estate 2014. Nel settembre successivo Cosi era stato colpito da una misura cautelare restrittiva della libertà personale, a tutela della sua vittima: non avrebbe più dovuto comunicare con questa donna, ne seguirla o avvicinarsi i luoghi frequentati dalla stessa per lavoro o altro. A Cosi Romualdo è importato poco o nulla, tanto che nei mesi successivi, in barba ad ogni prescrizione imposta, si è fatto ancora più minaccioso e arrogante nei confronti della povera malcapitata. In una delle successive denuncie, la donna ha consegnato un corposo fascicolo in cui aveva raccolto le centinaia e centinaia di messaggi inviati sulla sua utenza Whatsapp da Cosi Romualdo. Dagli apprezzamenti “spinti” COSI Romualdo era passato alle minacce vere e proprie. La donna, come accade in tutti questi casi, aveva “smesso di avere una vita libera”, fino a che l’A.G. competente ha finalmente deciso di porre un freno. La misura cautelare cui Cosi Romualdo era già sottoposto, è stata aggravata dal Tribunale di Lecce: “arresti domiciliari” presso la propria abitazione. Completate le formalità di rito, CASI Romualdo è stato accompagnato presso il proprio domicilio di Specchia, dove resterà agli arresti domiciliari.


Foto relative alla notizia

Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner