Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 21 novembre 2017 - Ore 11:24

Gli altri utenti stanno guardando:

Sequestrato laboratorio clandestino di Marijuana. Arrestati due giovani

Sequestrato laboratorio clandestino di Marijuana. Arrestati due giovani

Lecce - Nel pomeriggio di ieri, una pattuglia del Reparto Prevenzione Crimine, durante un servizio di controllo del territorio,  percorrendo via Adriatica, giunta all’altezza di via Labriola, notava due giovani fermi in corrispondenza di un cancello pertinente ad una struttura abbandonata e decideva di seguirli. I due venivano visti salire a bordo di un’autovettura “Ford Fiesta”, parcheggiata a circa 30 metri dal cancello in questione. 

Gli agenti, insospettiti dal comportamento dei soggetti in questione e dalla circostanza che si trovavano in una zona rurale dove vi sono diverse strutture in stato di abbandono, ritenevano opportuno procedere ad un controllo di polizia nei confronti dei due, poi identificati per G.O., del’77 e M.G., del’86, entrambi di Lecce.

Mentre gli agenti procedevano al  controllo di polizia G.O. e M.G. si dimostravano particolarmente agitati ed alla specifica richiesta di giustificare la loro presenza in quel luogo dichiaravano di trovarsi lì per raccogliere lumache. 

Si procedeva pertanto alla perquisizione personale rinvenendo nelle tasche di G.O. gr. 2,1 di hashish, mentre M.G. consegnava una busta in cellophane contenente gr. 7,7 di marijuana. 

Considerato che i due erano stati visti allontanarsi da una struttura abbandonata, gli agenti effettuavano un sopralluogo nelle immediate adiacenze. Non sfuggiva ai poliziotti la presenza di un tubo d’irrigazione che dall’esterno entrava nella struttura in cui si sentiva scorrere l’acqua. 

Al fine di chiarire cosa vi fosse all’interno della struttura, gli agenti scavalcavano il muro di recinzione. Nella struttura vi erano due stanze adibite alla produzione e coltivazione di marijuana.

Si procedeva ad una più approfondita perquisizione anche dell’autovettura in uso ai due dove nel vano posa cenere era situata una chiave che risultava successivamente essere quella di apertura del lucchetto blindato, collocato sul cancello. All’interno dell’autovettura veniva rinvenuto un manicotto e dei raccordi idraulici in plastica simili a quelli trovati all’interno della struttura adibita a laboratorio clandestino atto alla produzione/coltivazione di sostanza stupefacente.

Una volta aperto il cancello, gli agenti notavano due caseggiati; in quello a destra vi erano 128 piantine di marijuana, invasate e collocate tutte sul pavimento; mentre, nella struttura collocata a sinistra venivano trovate 82 piantine di marijuana, invasate e collocate anch’esse sul pavimento. In particolare quest’ultima struttura aveva più vani e in quello più interno e precisamente dentro un mobile erano custoditi due contenitori di vetro con della sostanza stupefacente del tipo marijuana già essiccata e pronta per la consumazione; mentre, nel vano successivo, vi erano  due cestelli e tre reti sospese in aria, utilizzati per l’essiccazione. 

All’interno della stessa stanza, in un cassetto di plastica, collocato sul muro, era presente una busta di cellophane contenente altra marijuana già essiccata e pronta per la consumazione, del tipo marijuana. 

Le piantine avevano un’altezza che andava dai 20 ai 30 centimetri ed erano state accuratamente preparate fornendo loro luce alogena, grazie all’applicazione di numerose lampade; inoltre era stato applicato un impianto di areazione e aspirazione, atto al riciclo dell’aria;  trasformatori che permettevano ingenti forniture di energia elettrica; una macchina per sottovuoto automatica probabilmente utilizzata per l’imballaggio della sostanza stupefacente prodotta. 

Sul posto interveniva anche personale dipendente “ENEL che metteva in sicurezza la zona ed accertava che vi era stato un allaccio abusivo al cavo principale della rete elettrica. 

Al termine degli accertamenti i due venivano tratti in arresto per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza  stupefacente del tipo marijuana e furto aggravato di energia elettrica. 


Foto relative alla notizia

Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner