Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 20 agosto 2017 - Ore 22:55

Minaccia e perseguita l'ex compagna, nei guai 55enne

Minaccia e perseguita l'ex compagna, nei guai 55enne

Lecce - Si comunica che nella mattinata odierna, personale di questa Squadra di Polizia Giudiziaria ha proceduto all’esecuzione dell’ordinanza applicativa della misura del divieto di avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dalla p.o. emessa in data 14.09.2015 dal G.I.P. del Tribunale di Lecce D.ssa S. PANZERA a carico di A.E. di anni 55, con precedenti per lesioni personali, ingiurie, minacce e danneggiamento; nonché per vilipendio della Repubblica, delle Istituzioni costituzionali e delle forze dell’arma. Il provvedimento di cui sopra è scaturito dall’ informativa inviata da questo Ufficio con cui si trasmetteva  all’A.G. la denuncia-querela presentata da una donna, di anni 36, di un paese del Capo di Leuca, la quale lamentava gli atti persecutori in suo pregiudizio da parte dell’indagato. 

Le accuse sono: 

- di aver maltrattato la convivente imponendo alla stessa il suo carattere violento, percuotendola per futili motivi, ingiuriandola e minacciandola con continuità di morte e di gravi danni a lei ed ai familiari ogni volta che la donna tentava di interrompere la convivenza o la interrompeva per brevi periodi, dicendo che avrebbe fatto incendiare la casa dei familiari della stessa e che l’avrebbe decapitata se non fosse tornata a vivere con lui impedendole di andare a trovare i familiari e di uscire con le amiche, offendendola con insulti pesanti, così da causarle sofferenze fisiche e morali che determinavano una situazione di terrore e intollerabile convivenza che la donna ogni volta si vedeva costretta a riprendere temendo per la incolumità propria e dei familiari.

-  di averla, con condotte reiterate, minacciata di male ingiusto ed anche di morte e molestata in modo da cagionarle un perdurante e grave stato di ansia e di paura tale da costringerla ad alterare le proprie abitudini di vita, agendo nello stesso modo e provocando gli stessi effetti anche nei confronti dei familiari della medesima, in particolare la madre ed il fratello. In particolare, dapprima allagava l’abitazione di proprietà del fratello della donna ove aveva con lei convissuto quando la stessa se ne allontanava e rompeva finestre, lampioni e portoncino; la molestava col mezzo del telefono, sia effettuando chiamate che inviando sms all’utenza cellulare in uso alla vittima con cui la offendeva con insulti pesanti, la minacciava di morte unitamente ai di lei familiari e si recava di giorno e di notte presso l’abitazione di lei o sul luogo di lavoro della stessa, tendendole agguati. Inoltre, poneva condotte aggressive nei confronti della donna, colpendolo con violenti pugni sul volto e cagionandogli lesioni personali, minacciandolo pesantemente; identica condotta anche nei confronti del nuovo compagno della vittima, colpendolo con un pugno al volto e minacciandolo e cagionandogli lesioni personali ed infine, cagionando nella vittima e nella di lei madre stati di ansia ed attacchi di panico: tutto certificato con documentazione medica. Tali condotte con l’aggravante di aver commesso il fatto nei confronti di persona alla quale era stato legato da relazione di convivenza.

Concordando con la richiesta del P.M., il G.I.P. del Tribunale di Lecce, quindi, emetteva l’ordinanza di cui sopra è cenno, imponendo all’indagato il divieto di avvicinarsi, per almeno 200 metri, ai luoghi frequentati dalla parte offesa e segnatamente, al luogo di lavoro, al domicilio della stessa, della famiglia di origine di quest’ultima, ovvero dei suoi prossimi congiunti, con l’ulteriore prescrizione di non comunicare attraverso qualsiasi mezzo con la stessa e con i di lei prossimi congiunti, e che ogni trasgressione della misura coercitiva imposta potrà essere sanzionata con la sostituzione con altra misura più severa.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner