Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 18 agosto 2017 - Ore 14:49

Incastrati dalle telecamere: i ladri erano i vicini

Incastrati dalle telecamere: i ladri erano i vicini

Leverano - Nella notte compresa tra il 16 e il 17 settembre scorso ignoti hanno perpetrato un furto nel centro abitato di Leverano presso la sede di una azienda che realizza Tecnoimpianti. Tra attrezzature, materiale strumenti elettronici il valore complessivo del furto ammonta a 13.000 euro. I carabinieri della Stazione di Leverano, sapendo che nei pressi dell’azienda vi è una telecamera nascosta di un altro esercizio commerciale sono andati a vedere le immagini. La sorpresa è stata notevole. Sono stati immortalati, piuttosto da lontano e quindi non facilmente riconoscibili, tre soggetti che intorno alle tre di mattina, dopo aver forzato la porta d’ingresso della ditta, hanno travasato la refurtiva dall’esercizio alla casa di fronte. L’irruzione è stata immediata. All’interno hanno trovato oltre all’intera refurtiva asportata nottetempo anche gli effetti personali di una sola persona. Tra questi anche 7 proiettili 7,65 e 66 gr. di hashish. Tra questi oggetti, però, non comparivano documenti per risalire all’identità dell’ospite. Il proprietario, che non risiede lì, faticosamente contattato, ha riferito vagamente di avere ospitato qualche gg prima un ragazzo di Monteroni, non meglio conosciuto, che era stato messo alla porta dalla moglie. Una serrata attività informativa ha consentito ai militari di ipotizzare chi fosse la persona ivi ospitata. Innanzi ad un fascicolo fotografico il proprietario non ha esitato: ha riconosciuto quale occupante della propria abitazione proprio il sospettato dai militari. Rivedendo le immagini, poi, si è notato che uno dei tre indossava abiti rinvenuti nella casa. Per tutto quanto esposto, quindi, il monteronese, al momento irreperibile (i militari lo hanno cercato per mari e per monti), è stato deferito alla Procura della Repubblica per furto (la refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario), detenzione ai fini di spaccio (sono stati sequestrati anche due bilancini e materiale per il confezionamento), detenzione di munizionamento (civile).


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner