Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 23 agosto 2017 - Ore 19:49

"Suo figlio ha avuto un incidente", truffano anziana e le rubano ori e soldi

"Suo figlio ha avuto un incidente", truffano anziana e le rubano ori e soldi

Lecce - Sempre più frequentemente vengono denunciate alla Polizia di Stato truffe commesse a danno di persone molto anziane consumate presso le loro abitazioni. E’ noto infatti come alla porta di casa si presentino perfetti sconosciuti che, qualificandosi ora come operatori dell’enel o del gas, ora come operatori di una qualunque rete di telefonia mobile o fissa, approfittano dell’anziano trovato solo in casa per porre in essere delle vere e proprie truffe a domicilio. 

Questa volta personale della Polizia di Stato della Questura di Lecce è intervenuto presso l’abitazione di un’anziana signora di ottant’anni in una zona periferica della città alla cui porta si è presentato un collaboratore di un sedicente avvocato dal quale la stessa era stata contattata  poco prima telefonicamente per conto di una fantomatica società assicurativa. 

Meno nota, ma ultimamente sempre più diffusa, è proprio quest’ultima tecnica, e cioè quella di qualificarsi come la parte lesa di un sinistro stradale commesso da un familiare per tentare di ottenere il risarcimento del danno subito. In questo caso infatti alla povera malcapitata di turno, è stato rappresentato che suo figlio aveva avuto un incidente stradale e che il mezzo da lui guidato era  privo di copertura assicurativa, pertanto all’anziana madre veniva richiesta la  corresponsione del premio assicurativo non versato e per le pratiche legali.

La signora, disorientata e preoccupata ha pertanto consegnato alla persona che dopo pochi minuti si è presentata alla porta in veste di collaboratore dell’avvocato, la somma di 600,00 euro unica somma contante in suo possesso in quel momento. Il truffatore non soddisfatto di quanto asportato ritelefonava alla malcapitata dicendo di avere urgente necessità di altro denaro per il disbrigo della pratica amministrativa e che qualora non ne avesse, avrebbe potuto consegnare dei gioielli.

La povera signora consegnava pertanto anche due collane, un braccialetto e un anello in oro. Solo dopo essere riuscita a contattare il figlio che la rassicurava di non avere avuto alcun incidente stradale, amaramente si accorgeva di essere stata vittima di una truffa. 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner