Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Lunedì, 21 agosto 2017 - Ore 18:02

83 verbali a un residente del centro, Zacheo: "Nessun ingiustificato aggravio"

83 verbali a un residente del centro, Zacheo: "Nessun ingiustificato aggravio"

Lecce - “Sarebbe sempre meglio informarsi prima di parlare, ma, purtroppo, e non è la prima volta, il responsabile dello Sportello dei Diritti preferisce sparare a zero, senza motivo, contro un organo istituzionale, insinuando nell’opinione pubblica il dubbio di irregolarità che discreditano l’operato del Corpo e dell’Amministrazione che rappresenta. Un atteggiamento, questo sì, censurabile”.

Il Comandante Donato Zacheo precisa in una nota l’iter che ha portato alla notifica degli 83 verbali ad un residente del centro storico, balzata, di recente, agli onori delle cronache.

“I verbali, com’è noto, sono stati elevati per il passaggio ad un varco della ZTL, nonostante non fosse stata mai comunicata, da parte del residente, all’Ufficio Mobilità e Trasporti, la targa del proprio veicolo. Una sua prima negligenza di cui, com’è ovvio, non abbiamo responsabilità. E su questo, mi pare di capire, nulla quaestio. La polemica si è scatenata, invece, sull’ammontare complessivo delle spese di notifica degli accertamenti. L’importo è elevato, ma tutto legittimamente addebitato, secondo regolari procedure di legge, senza alcun ingiustificato aggravio per il trasgressore. Purtroppo, per una cinquantina di quegli 83 accertamenti il trasgressore risultava ancora residente in un paese della Provincia, perché la registrazione del trasferimento della sua residenza a Lecce, al PRA e alla Motorizzazione Civile, le uniche banche dati alle quali ai sensi del codice della strada possiamo attingere, è stata trascritta solo dalla fine di gennaio 2015. La necessità di rinotificare ha quindi raddoppiato le spese di quegli accertamenti. 

Per una trentina multe rimanenti, invece, la cui notifica è stata inoltrata successivamente a quella data, l’addebito è stato di € 16,20, come di prassi. Solo grazie alle nostre indagini, però, venerdì scorso, siamo riusciti a notificare tutti e 83 gli accertamenti in questione, presso i nostri uffici, ai sensi dell’art. 138 c.p.c. e cioè per mezzo di un ufficiale giudiziario con la consegna nelle proprie mani del trasgressore, perché, è questa è stata la sua seconda negligenza, lo stesso non aveva segnalato in alcun modo la propria presenza all’indirizzo, dove risultava “sconosciuto” al postino. Ma tale procedura, e non poteva essere diversamente, non ha comportato nessun ulteriore aggravio di spese.” ha spiegato il Comandante.

“Sarebbe stata sufficiente una telefonata per avere tutti i chiarimenti del caso - ha concluso – e si sarebbe evitato quest’inutile ed ingiustificato clamore.”


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner