Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 22 novembre 2017 - Ore 06:12

Chiusura Twin Towers, parla il titolare Paolo Spalluto

Chiusura Twin Towers, parla il titolare Paolo Spalluto

Lecce - Sulla vicenda inerente la chiusura dello storico Lounge Bar leccese "Twin Towers" di viale Japigia interviene, in una lettera inviata alla stampa locale, il titolare dell'attività Paolo Spalluto: "Un'ingiustizia, un accanimento, un trattamento inquisitorio contro chi cerca di svolgere il propriolavoro onestamente e al meglio. È questo in sintesi quello che mi è stato fatto negli scorsi giorni conil sequestro preventivo di buona parte del mio locale, le "Twin Towers", sito a Lecce in Viale Japigia, ed è questo quello che intendo cercare di far capire al meglio in questa lettera. Ho atteso qualche giorno per buttare giù qualche riga perché nella frenesia delle prime ore non avevo le idee ben chiare, o meglio ce le avevo, ma ho preferito attendere per non farmi prendere troppo dalla rabbia e della delusione dei primi terribili attimi. Rabbia, delusione e sconforto ci sono ancora, ma adesso ho deciso di far prevalere la voglia di far conoscere a tutti la verità, o per lo meno le mie verità.

In questi anni le "Twin Towers" hanno consolidato sempre di più e meglio il proprio ruolo dicentro di aggregazione, diventando uno dei baluardi della movida leccese, che offriva unservizio ed un luogo di ritrovo a tutti e a tutte le ore del giorno. Per molti è diventata una consuetudine, per altri una vera e propria abitudine, quella di passare da noi e trascorrere momenti in tranquillità e in buona compagnia nei nostri ampi spazi. Senza dimenticare, inoltre, che il mio locale ha garantito una continuità lavorativa a tanta gente con trasparenza e semplicità. Un elemento che, in questi tempi di gravissima crisi economica, non è assolutamente da sottovalutare.

Alla base delle motivazioni contenute nel decreto di sequestro preventivo, emesso dal G.i.p.(Giudice per le indagini preliminari) ed eseguito dalla Polizia Municipale con delega del PubblicoMinistero, mi viene contestato il fatto che il sottoscritto "avrebbe edificato dei manufatti in assenzadi titoli abilitativi e senza la necessaria autorizzazione". Prima vera assurdità, visto che buona parte delle strutture in esame, le più importanti, sono state impiantate in rispetto a dei regolari permessi acostruire rilasciati dall'Ufficio urbanistico del Comune di Lecce. Per le altre precarie strutture in legno, presenti in giardino, delle quali mi è stata contestata l'edificazione abusiva, era stata presentata richiesta di edificazione in regime di Sanatoria. Mi si contesta, inoltre, il reato diabusivismo edilizio, ma in realtà si tratta di strutture amovibili e precarie di cui numerosi locali di Lecce ne hanno di simili. Cosa ancora più assurda è che già in passato il sottoscritto, per lemedesime strutture e con lo stesso Capo d'Accusa, ha dovuto già subire, prima un sequestropreventivo similare in cui è stato costretto a demolire gli stessi manufatti in questione e poi unprocesso in cui è stato completamente assolto perché, come da sentenza del Giudice di allora, "il reato non sussiste".

Questo sequestro preventivo che si basa su un "fumus commissi delicti", e cioè su una parvenza della commissione di un reato, senza le necessarie prove che in realtà questa irregolarità sia statacommessa. Fatto ancor più grave, inoltre, è che, nell'ambito dell'esecuzione del decreto, gli agentidella Polizia Municipale hanno posto i sigilli, oltre che ai manufatti di cui era stato disposto il sequestro, anche ad aree, accessi e pertinenze che non erano interessate al provvedimento, limitandoil diritto di svolgere regolarmente il mio lavoro. Si è trattato, quindi, di un vero e proprio sfratto a casa mia in quanto, invece di sequestrare soltanto i manufatti contestati, mi è stato tolto il diritto di accedere a locali di mia pertinenza, ma non posti sotto sequestro. Per assurdo ed arbitrariamente, infine, sono stati apposti i sigilli anche all'accesso diretto alla pubblica via dove è situata la rampa per i diversamente abili, inibendo di fatto l'accesso degli stessi alla struttura. Condizione, quest'ultima, che rende impossibile avere la possibilità di garantire un accesso regolare ai portatori di handicap e, quindi, le basi minime per poter continuare a svolgere la mia attività.

Ora, io a questo punto mi sono trovato costretto a sospendere l'attività, a lasciare a casa quindici miei dipendenti perché non ho le condizioni e le possibilità di farli lavorare, perché qualcuno mi h aprivato ingiustamente della possibilità di operare. Ed io mi chiedo, si possono lasciare a casa quindici persone, la cui unica fonte di sostentamento derivava dal lavoro svolto all'interno della mia struttura, togliere a migliaia di persone un luogo di incontro, oltre a far cessare per un periodo indeterminato di tempo un esercizio commerciale per us commissi delicti"? Vi è la convinzione da parte del sottoscritto di avere subito una grave ingiustizia, perpetrata con un provvedimento discrezionale, sproporzionato e vessatorio che rischia di arrecare danni incalcolabili ed irreparabili ad un'attività che cerca solo di portare avanti iniziative per i giovani, ma non solo, e che crea lavoro in un luogo di aggregazione. Per tutte queste ragioni ho parlato di accanimento, quasi a voler colpire un simbolo della movida leccese, già pesantemente bersagliata ed argomento di discussione negli ultimi tempi, togliendo ai leccesi, e non, un rinomato punto di riferimento.

Con questa lettera spero di essere riuscito ad esprimere la mia condizione, la mia voglia digiustizia e porgo un invito alla solidarietà agli organi di giustizia, di stampa, di informazione inmomento come questo di grande austerità e difficoltà per tutti, la repressione lasci spazio alla collaborazione e alla prevenzione che mi hanno sempre ispirato. Solidarietà verso di me, verso i miei dipendenti che ora si ritrovano con le spalle al muro per colpa di un sistema che non li tutela e verso quella grande famiglia di amici e persone che sceglievano le Twin per stare insieme e divertirsi con buona musica ed iniziative semplici volte alla reale socializzazione. Con umiltà e modestia credo, in tanti anni di gestione, di avere migliorato la vita sociale dell'intera città attraverso un posto di ritrovo pulito e tranquillo, in cui ho fatto e faccio lavorare tanta gente".


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner