Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 19 agosto 2017 - Ore 15:18

Gli altri utenti stanno guardando:

Gdf all'opera sulla fascia costiera contro il lavoro nero

Gdf all'opera sulla fascia costiera contro il lavoro nero

Taranto - Nell’ambito dei servizi di contrasto al lavoro nero ed all’abusivismo demaniale e commerciale, la Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Taranto ha effettuato dei controlli mirati, tra la fine del periodo estivo e l’inizio dell’autunno nei confronti di numerose attività commerciali operanti sul litorale della provincia tarantina, individuando 14 lavoratori irregolari e verbalizzando sanzioni amministrative a carico di 9 esercizi per oltre 70.000 euro.

L’attività ispettiva si è concentrata nel settore della locazione e noleggio di unità da diporto e del trasporto di turisti, nonché sulle attività stagionali, di gestione di lidi, chioschi e ristoranti. Al termine dei controlli, i finanzieri hanno anche richiesto all’Ispettorato del Lavoro di Taranto la chiusura di un ristorante situato nel Borgo Antico della città e di un’impresa  specializzata nell’organizzazione di gite turistiche a bordo di imbarcazioni da diporto, in quanto avevano impiegato irregolarmente più del 20% del totale dei lavoratori dipendenti, misura prevista dalle vigenti norme in materia. Individuati e sottoposti a sequestro, nel Centro Storico del capoluogo jonico, anche due chioschi completamente abusivi, realizzati senza nessuna autorizzazione sulla banchina della Scesa Vasto e di Via Cariati, all’interno della c.d. “fascia di rispetto demaniale”, ad una distanza inferiore ai 30 metri dal mare. 

I titolari dei chioschetti avevano, inoltre, trovato il modo di collegarsi illegalmente alla rete dell’illuminazione comunale, occultando abilmente gli allacci abusivi – realizzati, per altro, con dei fili scoperti – al di sotto della pavimentazione della banchina del Borgo Antico, ponendo così in grave pericolo gli avventori e le altre persone che, ignare della situazione, si trovavano a transitare sul posto. La denuncia all’Autorità Giudiziaria per i responsabili è pertanto scattata, oltre che per l’occupazione abusiva di suolo pubblico e demaniale, anche per furto aggravato di energia elettrica.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner