Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 19 ottobre 2017 - Ore 07:30

Gli altri utenti stanno guardando:

"Il caso Marta Spagnolo" la 23enne segregata nella Casa Famiglia

"Il caso Marta Spagnolo" la 23enne segregata nella Casa Famiglia

Casarano - Marta Spagnolo ha da poco compiuto 23 anni e fino a 19 anni le è stato tenuto nascosto dalla madre l'esistenza del  padre naturale,  signor Luigi Garofalo. Fino a 19 anni ha vissuto con la nonna materna e veniva seguita solo saltuariamente dalla stessa madre. Quest’ultima non ha mai detto al padre naturale di avere una figlia e viceversa. Quando Marta scopre di avere un padre lo cerca e lo incontra. I due cominciano a frequentarsi per conoscersi ma dopo poco tempo il CIM, chiamato precedentemente dalla ragazza per essere aiutata a superare dei problemi anaffettivi, nomina tramite il giudice tutelare un amministratore di sostegno (avv. Maria Grazia Iovino) tenendo fuori il padre (ancora presunto) Luigi Garofalo.

Il sig. Garofalo, per ovviare al problema del riconoscimento e quindi ottenere l’affidamento della figlia, ha effettuato il test salivare al quale avrebbe dovuto sottoporsi anche Marta per ottenere dall’incrocio delle analisi la conferma scientifica del loro legame genetico. La stessa Marta ha fatto sapere più volte, tramite l’amm. di sostegno, di voler effettuare anche lei il test, ma lo stesso amministratore, unito al responsabile (Marcello Marzano) della Casa Famiglia alla quale nel frattempo era stata affidata, hanno impedito alla ragazza di effettuare il test. A distanza di 3 anni questo test non è ancora avvenuto.

L’avv. Cassano, legale del ‘presunto’ padre Luigi Garofalo, ha promosso azione legale contro i sig.ri Marcello Marzano, amministratore della casa famiglia  San Giovanni - Castello Pio - di  Casarano, e l’avv. Maria Grazia Iovino, amministratore di sostegno, per aver impedito nel corso degli anni alla ragazza di incontrare il padre e di effettuare il test della paternità. Inoltre sono accusati di impedire a qualunque persona cara ed amica di Marta che non sia di loro gradimento un contatto, anche minimo, mantenendola in uno stato di segregazione tale da integrare atti di violenza privata (le è stato sottratto anche il cellulare) ed abuso di mezzi di correzione e/o disciplina.

Mercoledi 17 si svolgerà davanti al GIP l’udienza preliminare in cui si deciderà se archiviare il caso o disporre il rinvio a giudizio del caso a seguito di denuncia da parte del sig. Garofalo. Intanto lo stesso avvocato Cassano ha chiesto l’avocazione del PM Carducci il quale, pur essendo al corrente dei fatti, non ha ancora intrapreso alcuna azione nei confronti dei soggetti citati.


Foto relative alla notizia
Luigi Garofalo

Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner