Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 19 novembre 2017 - Ore 15:09

Periferie dimenticate. La denuncia dei residenti del complesso Agave

Periferie dimenticate. La denuncia dei residenti del complesso Agave

Lecce - Lo Sportello dei Diritti raccoglie la denuncia dei residenti del complesso residenziale "Agave" e ne denuncia la situazione in cui versa, nella seguente nota: "A distanza di ormai 10 anni dalla consegna dei primi appartamenti, il complesso edilizio “Agave” ubicato nei pressi della via della Cavalleria, la strada secondaria per la marina di San Cataldo, versa ancora, in stato di abbandono nonostante dovesse essere, almeno nell’intenzione dei costruttori, un miniquartiere modello della città capoluogo. Pochi giorni or sono lo “Sportello dei Diritti", che da anni riceve le denunce di coloro che si sentono trascurati dalla pubblica amministrazione e che sta documentando costantemente lo stato di degrado delle periferie cittadine, ha accolto le giuste lamentele di alcuni residenti dell’area residenziale in questione che hanno evidenziato il totale stato di abbandono in cui versa la zona ed i pericoli che la riguardano non da ultimo un incendio causato dalle sterpaglie dei terreni incolti e che ha lambito alcuni condomini come riportato anche da alcune testate locali. Ad oggi, abbiamo potuto appurare dopo un sopralluogo effettuato alla presenza di alcuni dimoranti, tra cui diversi tecnici, le opere di urbanizzazione risultano essere in larga parte incomplete o mal eseguite e la ditta lottizzante ha smesso ormai da tempo di occuparsi della manutenzione del complesso con gravi conseguenze, anche igienico-sanitarie, per le centinaia di famiglie residenti. Le aiuole e le aree a "Verde Attrezzato" (che di attrezzato non ha neanche le alberature) sono infestate dalla vegetazione spontanea ed i marciapiedi sono diventati impercorribili, e incompleti. Ci si chiede per quale motivo la cittadinanza debba farsi carico della manutenzione degli spazi pubblici quando questo dovrebbe spettare ad altri. Nel corso del tempo numerose sono state le richieste di intervento rivolte all’amministrazione per tramite di alcuni politici e dipendenti comunali. La risposta tra promesse d’intervento e inerzie varie alla fine sarebbe stata sempre la stessa: “abbiamo le mani legate, la manutenzione delle verde pubblico è di pertinenza della Ditta Lottizzante, non spetta a noi".

"Mentre è noto che quando la ditta lottizzante non interviene, l’Amministrazione Comunale ha altri mezzi per risolvere il problema tra cui procedere nei confronti dei lottizzanti in attuazione della Convenzione. Di seguito solo alcuni dei problemi che ci sono stati sottoposti e che si vogliono porre all’attenzione dell’opinione pubblica e soprattutto del governo cittadino e che saranno oggetto di un’apposita petizione – raccolta di firme nei confronti degli amministratori cittadini, che come preannunciato da Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti", sarà effettuata nei prossimi giorni tra le centinaia di residenti che anche in questo caso appaiono come cittadini di serie “B” nonostante le concrete e fattibili proposte formulate per porre fine a questa situazione:

 - le opere stradali sono incomplete per la mancata ultimazione della pavimentazione asfaltata. In alcune vie non è mai stato realizzato il tappeto da usura con conseguenti problemi di raccordo con le rampe di accesso ai locali interrati ed i pozzetti d’ispezione della rete fognante;

- su un lotto prospiciente la Via principale Alberto Sordi è presente un fabbricato, ancora in corso di costruzione, che si sviluppa su due livelli e che, solo recentemente e dopo ripetute denunce, è stato messo in sicurezza con la realizzazione di una recinzione che impedisce l’accesso al suo interno; resta il problema del negativo impatto ambientale dell’opera in questione;

- vi è, come detto, la totale assenza di manutenzione e pulizia delle aree a verde, delle strade e marciapiedi;

- le vie Don Carlo Gnocchi e De Santis sono ancora oggi delimitate da una recinzione in blocchi di cemento (alte circa 1 mt.) sul confine con un’area di cantiere che versa in stato di abbandono da diversi anni;

- Il complesso è mal collegato al centro della città. Ogni giorno diversi bambini percorrono, zaino in spalla, lo stretto marciapiede che conduce (solo per un tratto) verso l’abitato. La strada che questi fiancheggiano (Via della Cavalleria) è caratterizzata da traffico veicolare molto intenso, soprattutto nelle ore di punta, essendo ormai diventata una degli sbocchi privilegiati per la “Tangenziale Est”. E’ doveroso evidenziare che tale carreggiata, vista l’assenza di semafori o di rotatorie, viene percorsa dai veicoli in transito a velocità sostenuta. Sarebbe bene provvedere al più presto e risolvere questa situazione alquanto pericolosa, prima che accadano eventi cruenti, in sintesi si chiede di migliorare il collegamento pedonale con l’abitato e la sicurezza stradale;

- totale assenza di pattugliamento, nell’intero quartiere, di Forze dell’Ordine di qualsiasi specie la Polizia Municipale e non con il conseguente comportamento incivile da parte dei fruitori degli spazi comuni (strade, parcheggi ecc.) e la generazione di attività poco lecite, di alcuni individui, svolte negli angoli più nascosti".

"In pratica si chiede:

- che l’Amministrazione provveda direttamente all’esecuzione dell’ordinaria manutenzione del complesso rivalendosi, ove ritenga, sul lottizzante tramite la fidejussione assicurativa rilasciata in sede di Convenzione. Solo così l’Amministrazione si farebbe garante dei diritti dei propri cittadini che, a distanza di oltre dieci anni, ancora pagano carenze non dovute a coloro che hanno corrisposto il prezzo d’acquisto degli immobili e della stessa Amministrazione Comunale;

- che l’Amministrazione provveda immediatamente ad ultimare le opere di urbanizzazione rimaste incomplete così da poter definitivamente collaudarle. Valgano in tal senso le norme urbanistiche vigenti che pongono un termine ultimo per la consegna ed ultimazione delle opere appaltate nonchè per il successivo collaudo tecnico ed amministrativo delle stesse;

- che si provveda alla rimozione e/o ultimazione delle opere incompiute ed alla chiusura definitiva delle aree di cantiere ancora aperte;

- che, fra le opere da ultimare, si dia completamento alle aree destinate a verde attrezzato, le quali attualmente risultano dei lotti di terreno liberi ed incolti, dove cresce soltanto vegetazione infestante; situazione, questa, indecorosa per un quartiere cittadino;

- che, finalmente, si dia una regolamentazione alla circolazione veicolare ed al parcheggio (finora selvaggio) all’interno dell’intero comparto; magari con la presenza periodica di pattuglie della polizia municipale e di altre Forze dell’Ordine (finora praticamente mai viste) per ovviare ai problemi su esposti".


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner