Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 21 novembre 2017 - Ore 23:51

Rischio tilt per il pronto soccorso dell’ospedale "Sacro Cuore"

Rischio tilt per il pronto soccorso dell’ospedale "Sacro Cuore"

Gallipoli - "Agosto, benvenuti nell’inferno di Gallipoli. La Città bella, con le sue 450mila presenze, rischia di mandare in tilt il pronto soccorso dell’ospedale “Sacro Cuore” dove sono più che raddoppiati gli accessi. Passati dai 65 – 70 al giorno nel mese di marzo, ai circa 150 di questi giorni. Proprio quando, al contrario, il personale sanitario scarseggia e chiede giustamente di andare in ferie" . sono queste le parole con cui si apre lo Sfogo-denuncia del comitato di tutela della salute "mano Amica".

 "Il Pronto soccorso sulla via per Alezio è risultato il più disastrato, avendo perso per strada 5 medici, fra dimissioni e cambio di incarichi. Per fortuna, a ferragosto, ne sono stati assegnati due, per 3 mesi. Oggi quindi i medici in servizio sono 8 (sui 13 previsti). Poi ai vedrà, ripetono i vertici della Asl. Se ci spostiamo sul fronte degli infermieri, (quelli che più del medico devono correre dietro alle esigenze dei pazienti), la situazione diventa a dir poco drammatica: ve ne sono soltanto 15 su una pianta organica che ne prevede 23. Cinque per turno per gestire pazienti in  giro per le “Torri”, all’altro capo del pronto soccorso, come la Radiologia. Al di là dei numeri, -continuan la nota - la caratteristica delle difficoltà di gestione del pronto soccorso gallipolino sta nella tipologia degli accessi, visto che da oltre due mesi, la “città bella” ospita lo sballo giovanile e le intemperanze delle discoteche. Che, in soldoni, significa continui arrivi di impasticcati, ubriachi e scompensati al “triage” del Sacro Cuore". 

"Il problema di Galllipoli non è tanto il raddoppio",  conferma il primario Antonio Girau, "Anche a Copertino d’estate  si raddoppia, però si tratta dell’incidente, la puntura, la fasciatuta. Qua invece siamo di fronte ai giovani. C’è l’intossicato e l’alcolista che sono difficili da gestire. Quando arriva uno in agitazione, da sballo, occorrono 4-5 persone per fermarlo. Inoltre – aggiunge – è un malato che spesso non si riesce a definire e va trattenuto e gestito con personale di sorveglianza anche la sera. Il dolore toracico e addominale, il trauma cranico,vanno osservati. Diventa un’organizzazione complessa". Il “grattacapo” più grosso, quello dei pochi medici, in questo momento sembra passare in secondo piano.

A conti fatti, ad evitare il rischio di default nei mesi scorsi sono stati gli straordinari del personale e la buona volontà degli operatori. In ogni caso, i 2 medici arrivati ieri sono una manna dal cielo. "Anche con gli infermieri ci siamo arrangiati – conferma Girau – La direzione aveva fatto l’elenco di operatori di altri reparti che si erano prestati per fare dello straordinario".  A Gallipoli arrivano i pazienti del bacino di Racale (Torre Suda), Taviano(Mancaversa) e Melissano (in condominio con Casarano). Dall’area nord afferiscono gli utenti da Galatone, Sannicola, Nardò e relative marine. Fra tante difficoltà non mancano i motivi di soddisfazione. "Anche da noi,  come al “Vito Fazzi”, il paziente in codice verde è costretto ad aspettare anche 3 - 4 ore – ammette il dottore Girau – Ma non abbiamo avuto molti scalmanati. Buona parte dei nostri pazienti sono settentrionali; abituati alla disciplina della pazienza e al rispetto delle regole. E quando vanno via ci ringraziano per il trattamento che hanno ricevuto. Non mi lamento – aggiunge soddisfatto e con modestia – E’ tutto merito degli utenti".


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner