Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 19 agosto 2017 - Ore 17:05

Gli altri utenti stanno guardando:

Rapimento a Monteroni: ecco il video

Rapimento a Monteroni: ecco il video

Monteroni Di Lecce - Paura nella notte a Monteroni per una bimba di sei anni di nazionalità bulgara. La piccola è stata rapita mentre giocava nel parco giochi nei pressi dell’area mercatale. L'intera famiglia, angosciata e preoccupata per la sparizione della bambina, ha immediatamente lanciato l'allarme.

Così, i carabinieri della stazione locale, coadiuvati dai colleghi della Compagnia di Lecce, si sono messi sulle sua tracce, avviando le ricerche.

I militari hanno ascoltato i genitori della piccola, e dalle informazioni fornite dal loro racconto è emerso che alla base del rapimento, ci sarebbero stati alcuni dissidi nati tra il gruppo di stranieri ed alcuni individui del posto, già noti alle forze dell'ordine.

Dalla versione fornita dai familiari, un uomo ed una donna, a bordo di uno scooter, hanno rapito la bimba, davanti agli occhi increduli degli amici e dela sorellina di 9 anni con cui stava giocando. Si tratta di Valentina Piccinonno, di 32 anni, e di Giovanni Giancane di 38 anni, entrambi già noti alle forze dell'ordine. La bimba è stata trovata, in pochissimo tempo, proprio nell'abitazione della donna.

Questi i fatti: le due sorelline sono state avvicinate dai due che hanno provato a convincere la ragazzina più grande a seguirli, con la promessa di comprarle un gelato, dopo il suo rifiuto hanno iniziato a persuadere la sorella più piccola, riuscendo questa volta a convincerla. A quel punto, i due si sono allontanati in compagnia della piccola, a bordo di una scooter. Spaventata, la sorellina più grande ha provato a rincorrere lo scooter e poi ha allertato il padre.

I genitori della piccola si sono rivolti ai Carabinieri, raccontando l’accaduto e fornendo la descrizione di Giovanni Giancane. L'uomo, rintracciato poco dopo dai militari, si è subito reso collaborativo con i carabinieri. I militari hanno proseguito le ricerche, recandosi presso l'abitazione della donna e dopo aver fatto irruzione nell'appartamento, hanno trovato la piccola che le dormiva accanto.

Per Giovanni Giancane e Valentina Piccinonno si sono aperte le porte del carcere: dovranno rispondere di sequestro di persona in concorso, che commesso nei confronti di un minore di anni quattordici prevede una pena dai tre ai quindici anni di reclusione secondo il vigente Codice Penale.


Foto relative alla notizia

Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner