Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 22 agosto 2017 - Ore 22:46

Gli altri utenti stanno guardando:

Operazione "Coffee Drug": 16 arresti per spaccio nella movida

Operazione "Coffee Drug": 16 arresti per spaccio nella movida

Lecce - Gli Agenti della squadra mobile della questura di Lecce, all'alba di questa mattina, hanno eseguito 17 ordinanze di custodia cautelare: 9 in carcere, 4 ai domiciliari e 3 obblighi di dimora, su richiesta dalla Direzione distrettuale antimafia. Gli arrestati sono accusati di detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti.

L'operazione, denominata "Coffee Drug", è scaturita da un'indagine coordinata Antonio De Donno e Paola Guglielmi, le ordinanze di custodia cautelare sono state emesse dal GIP del Tribunale di Lecce, Simona Panzera. Nel corso delle indagini sono state raccolte immagini che documentano la cessione di marijuana, hashish, cocaina ed eroina, nel centro storico della città, anima della mivida leccese.
È stata disposta la custodia cautelare in carcere nei confronti di nove indagati:

RUSSANO Luigi 23enne di Lecce
CELESTE PASSABÌ Giovanni, 48enne di Lizzanello
DE FILIPPI Carmelo, 42enne di Lecce
DE PASCALIS Carmelo, 51enne di cavallino
DE VERGORI Elio, 41enne Lecce
GIGANTE Pasquale 47enne Lecce
GUBELLO Andrea 32enne Lecce
LUPARELLI Andrea 38enne Lecce
PEPE Fabio 41enne Lecce

Per quattro sono stati disposti gli arresti domiciliari

FUSO Roberto 34enne di Lecce
SCAZZI Andrea, 44enne di Lecce
VENTURA Daniela, 29enne di Novoli
VINCENTI Carmelo, 38enne di Lecce

Infine il GIP ha applicato la misura cautelare dell'obbligo di dimora a carico di altre tre persone:

DELL'ACQUA Franco, 44enne di Salve
GARRISI Marta, 31enne di Lecce
GIURI Laura, 24enne di Neviano

A tutti è contestato il reato di detenzione, cessione e vendita di sostanza stupefacente del tipo eroina e cocaina. Nel corso delle indagini è stata anche accertata la detenzione di un fucile a canne mozze. Le persone indagate nell'indagine sono quarantadue.

Le indagini hanno preso il via nell'ottobre 2011 a seguito dell'arresto in flagranza di reato di NARDELLI Antonio, di Gallipoli, trovato in possesso di 1 chilo e 558 grammi di eroina, 1 chilo e 247 grammi di hascish, 1 chilo e 45 grammi di marijuana e 8,80 grammi di cocaina. La quantità e la variegata tipologia di stupefacenti hanno indotto gli inquirenti a supporre che NARDELLI fosse in contatto con ambienti significativamente coinvolti nel narcotraffico. E' stata così effettuata un'attenta analisi dei tabulati relativi ai cellulari in uso a NARDELLI e sono identificati alcuni dei suoi concorrenti, che provvedevano a trasportare lo stupefacente nella città di Lecce. Per altro verso, nel corso di un colloquio con la madre BUCCARELLA Carmela, NARDELLI le consegnava un biglietto nel quale le chiedeva di effettuare un vaglia di 400 euro a favore di una persona con lui detenuta, e di procurarsi qualche dose di stupefacente da introdurre in carcere nel corso del loro successivo colloquio. L'attenta vigilanza del personale della polizia penitenziaria ha consentito di intercettare il biglietto, poi sequestrato.
L'episodio ha confermato come nelle attività di spaccio di NARDELLI fosse coinvolta anche la madre BUCCARELLA Cosima, che nonostante il sequestro del biglietto consegnatole dal figlio contattava alcuni suoi fornitori per procurarsi comunque lo stupefacente richiestole.
Le persone contattate dalla donna, si sono rivelate parte di una articolata rete in grado di commercializzare notevoli quantità di stupefacente. Ciascun indagato, in modo autonomo ed in correlazione con gli altri, gestiva un proprio gruppo di clienti che provvedeva a rifornire con regolarità.

La Squadra Mobile ha avuto modo di effettuare anche alcuni sequestri a riscontro delle conversazioni intercettate, sequestri che hanno consentito di rinvenire in possesso dei clienti le dosi di stupefacente poco prima cedute loro dagli indagati.

Sono stati sequestrati così:
Il 25.1.2012 3,4 grammi di eroina,
Il 26.1.2012 1,9 grammi dei eroina,
Il 6.2.2012 grammi 50 di eroina, un bilancino di precisione e 365 euro provento dell'attività di spaccio;
Il 22.2.2012 grammi 15,68 di eroina,
Il 23.2.2012 grammi 7 di eroina,
Il 10.3.2012 grammi 2,53 di eroina,
Il 23.3.2012 grammi 3,7 di eroina, grammi 0,4 di cocaina e 5340 euro provento dell'attività di spaccio, unitamente ad un quaderno contenente appunti riferiti alle varie cessioni di stupefacente
Il 16.4.2012 grammi 7 di eroina,
Il 11.5.2012 grammi 1,7 di eroina e grammi 2,2 di cocaina nonché 550 euro provento dell'attività di spaccio.

Gli accordi relativi alle consegne di stupefacente avvenivano mediante l'uso di un linguaggio convenzionale che gli indagati ritenevano idoneo ad eludere eventuali operazioni di intercettazione da parte delle forze dell'ordine. A titolo di esempio il codice utilizzato era "Ci possiamo vedere per un caffè" (a significare l'incontro finalizzato alla cessione), "Vengo in ferie per 15 giorni" (dove il numero dei giorni indicava la quantità di stupefacente che l'acquirente ordinava al suo fornitore), "Ci vediamo per 15 minuti" (analogamente all'esempio precedente con riferimento ai minuti), "Al ristorante quanto viene a persona?" e "Prenota per dieci persone".

Il numero di cessioni accertato e contestato nell'ordinanza di custodia cautelare (di 439 pagine) è ingentissimo, se si considera, a titolo di esempio, che nei confronti di un singolo indagato sono contestati quasi novecento singoli episodi di cessione di sostanza stupefacente nel periodo che va da gennaio a fine maggio del 2012.

La Redazione


Foto relative alla notizia
Celeste Passabi Giovanni
Roberto Fuso
Marta Garrisi
Pasquale Gigante
Laura Giuri
Luparelli Andrea
Fabio Pepe
Russano Luigi Nicola
Andrea Scazzi
Daniela Ventura
Carmelo Vincenti

Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner