Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 20 agosto 2017 - Ore 11:33

Gli altri utenti stanno guardando:

Blitz all'alba: 43 arresti per traffico internazionale di droga ed estorsione

Blitz all'alba: 43 arresti per traffico internazionale di droga ed estorsione

Lecce - I Carabinieri del R.O.S. e la Squadra Mobile della Questura di Lecce hanno eseguito congiuntamente un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. di Lecce, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce, nei confronti di 43 indagati, appartenenti a vari gruppi mafiosi della frangia leccese della sacra corona unita, ritenuti responsabili, a vario titolo, di “associazione mafiosa”, “associazione finalizzata al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti”, “spaccio di sostanze stupefacenti”, “calunnia”, “favoreggiamento personale”, “rapina”, “estorsione”, “ricettazione”, “danneggiamento seguito da incendio”, “illecita concorrenza con minaccia e violenza”, “porto e detenzione illegale di armi”, tutti “aggravati dalle modalità e finalità mafiose”.

I provvedimenti cautelari scaturiscono da due distinte attività d’indagine, riunite in un unico procedimento, condotte, in periodi differenti da:

la Squadra Mobile della Questura di Lecce (Indagine “TERRE D’ACAIA”, aprile 2010 – settembre 2011);

i Carabinieri del R.O.S. (Indagine “ALTA MAREA”, agosto 2012 – maggio 2013);

Nei confronti di esponenti di rilievo (capi clan e gregari) della frangia leccese della sacra corona unita, operanti nel capoluogo e nell’area geografica posta a sud est e nella fascia costiera adriatica della Provincia di Lecce (comprendente i comuni di: Lecce, Vernole, Melendugno, Calimera, Lizzanello, Cavallino ed altri, con le rispettive “marine”),

In particolare, le indagini condotte dalla Squadra Mobile della Questura di Lecce mediante intercettazioni telefoniche ed ambientali, nonché con numerosi servizi di osservazione, controllo, perquisizione e sequestro, hanno consentito di acquisire elementi di prova in ordine all’attività della predetta organizzazione mafiosa e della parallela associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti (in particolare dalla Spagna) sorta su impulso di Salvatore Rizzo (capo storico della sacra corona unita e già coinvolto nell’Operazione Augusta condotta dal ROS nell’ottobre 2011) diretta da LEO Andrea e Verardi Alessandro (capi del Clan denominato “VERNEL”). 

Particolare significato probatorio hanno assunto poi l’acquisizione delle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Giuseppe Manna (gestito della Squadra Mobile di Lecce) e VERARDI Alessandro (gestito dal ROS).

Infatti, se già con l’attività “TERRE D’ACAIA” della Squadra Mobile della Questura di Lecce era stata verificata l’attendibilità delle dichiarazioni di Giuseppe Manna, il ROS ha successivamente comunicato all’autorità Giudiziaria gli esiti dell’attività di indagine “ALTA MAREA” svolta al fine di verificare la sussistenza di riscontri a quanto dichiarato da VERARDI Alessandro.

Nel dettaglio, le stesse dichiarazioni rese da Alessandro Verardi hanno consentito ai militari del ROS, anche grazie ad una serie di intercettazioni telefoniche e di acquisizioni di corrispondenza fra detenuti, ma in particolare di intercettazioni ambientali, di ricostruire l’evolversi dell’organigramma e delle attività delittuose poste in essere dal gruppo ormai capeggiato in via esclusiva dal medesimo LEO Andrea dopo la collaborazione di Verardi.

Altresì, nel corso delle indagini della Squadra Mobile di Lecce e dei Carabinieri del R.O.S. sul gruppo mafioso capeggiato all’esterno da LEO Andrea e VERARDI Alessandro sono emersi elementi che hanno consentito di accertare sul territorio della provincia di Lecce l’operatività di altre organizzazioni di tipo mafioso riconducibili alla SCU.

In particolare è stata accertata l’operatività del gruppo mafioso facente capo a NISI Roberto, operante sul territorio della città di Lecce e dintorni; del gruppo mafioso facente capo a BRIGANTI Pasquale inteso Maurizio, pure operante in prevalenza nella città di Lecce e del gruppo mafioso facente capo alla famiglia di DE MATTEIS Bruno operante su Merine e paesi contermini.

Le alleanze ed i contrasti tra i predetti gruppi hanno caratterizzano di fatto la vita dell’organizzazione facente capo a LEO Andrea e VERARDI Alessandro che, con il patronato di Totò RIZZO, ha tentato sin dal 2010 di imporsi in maniera esclusiva sul territorio di appartenenza.

Di particolare rilevanza, in ordine a tale ultimo aspetto, si sono rivelate le acquisizioni investigative in ordine al controllo, da parte del gruppo facente capo a LEO Andrea e ad Alessandro Verardi, degli stabilimenti balneari insistenti sul litorale tra Torre Specchia e San Foca, con imposizione ai gestori degli stessi del pagamento del 25% sui ricavi e la gestione dei parcheggi delle zone circostanti, nonché con imposizione dei servizi di vigilanza ai lidi della marina di Vernole.

Nel dettaglio Verardi, nell’approssimarsi dell’estate 2011, di ritorno dalla Spagna, dove aveva trascorso un periodo di latitanza (prima di essere catturato dalla Squadra Mobile di Lecce) e gestito il traffico degli stupefacenti da quel paese, aveva organizzato l’esecuzione di una serie di estorsioni ai gestori degli stabilimenti balneari e di altri esercizi pubblici (bar e gelaterie) della costa adriatica del Salento e in particolare nei confronti di coloro che operavano nelle marine di Vernole e di Melendugno.

Era quello il periodo in cui lo stesso VERARDI aveva stretto accordi con il gruppo di NISI Roberto, interessato allo stesso illecito settore.

Nel complesso, l’indagine ha evidenziato i rapporti di cooperazione esistenti tra i principali sodalizi mafiosi leccesi, funzionali al controllo delle estorsioni e del traffico di stupefacenti (attività illecite riscontrate nelle indagini di Polizia e Carabinieri come c.d. “reati fine“ dell’associazione mafiosa), che si confermano i principali settori d’interesse illecito dei Clan mafiosi egemoni nell’ambito della S.C.U..

Più specificatamente i poliziotti della Squadra Mobile hanno eseguito diciannove ordinanze applicative di misura cautelare coercitiva nei confronti dei seguenti soggetti:

BUTTAZZO Egidio, nato nel 1975, di Cavallino;
CALOGIURI Maurizio, nato nel 1977, di Lizzanello;
CUCURACHI Mauro, nato nel 1965, di Merine di Lizzanello;
DE PASCALIS Carmelo, nato nel 1963, di Cavallino;
DURANTE Anna Oriana, nata nel 1975, di Melendugno;
GIORDANO Antonio, nato nel 1950, di Cavallino;
GRECO Gioele, nato nel1987, di Lecce;
MAZZEO Antonio Pantaleo, nato nel 1988, di Caprarica di Lecce;
MURRONE Veronica, nata nel 1986, di Castrì di Lecce;
PASTORE Francesco, nato nel1983, di Cavallino;
PENZA Antonio Marco, nato nel 1983, residente in Lecce;
POTENZA Giuseppe, nato nel 1977, di Melendugno;
RICCIATO Mirko, nato nel 1976, di Lizzanello;
SANTORO Luigi, nato nel 1970, di Melendugno;
TERRAZZI Andrea, nato nel 1976, di Calimera;
CAMPA Eugenio, nato nel 1958, di Bagnolo del Salento;
CAMPA Rocco, nato nel 1981, di Giuggianello;
RICCIUTI Walter Marcellino, nato nel1965, di Calimera;
SCHITO Alessandro, nato nel 1977, di Lizzanello.

Allo stato sono irreperibili Pasquale Briganti, nato nel 1969, di Lecce; GRECO Alessandro, nato nel 1983, di Lecce; Francesco Mungelli, nato nel 1977, di Lecce.

Le contestuali perquisizioni effettuate hanno consentito di sottoporre a sequestro probatorio una pistola modificata marca VALTRO modello 85 Combat con trentasei proiettili calibro 8 marca Fiocchi ed un bilancino di precisione, rinvenuti all’interno dell’abitazione di CUCURACHI Mauro.

Dopo le formalità di rito gli arrestati sono stati messi a disposizione dall’Autorità Giudiziaria procedente.







Foto relative alla notizia
Egidio Buttazzo
Calogiuri Maurizio
Campa Eugenio Antonio
Campa Rocco
Cucurachi Mauro
Carmelo De Pascalis
Durante Anna Oriana
Giordano Antonio
Greco Gioele
Mazzeo Pantaleo Antonio
Murrone Veronica
Pasttore Francesco
Penza Antonio Marco
Potenza Giuseppe
Ricciato Mirko
Ricciuti Valter Marcellino
Santoro Luigi
Schito Alessandro
Terrazzi Andrea

Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner