Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 21 novembre 2017 - Ore 16:48

Gli altri utenti stanno guardando:

Gdf: il bilancio di un anno di operazioni aeronavali

Gdf: il bilancio di un anno di operazioni aeronavali

Lecce - E’ il momento di tracciare un bilancio delle attività aeronavali concluse nel 2013, come illustra il Colonnello Maurizio Muscarà, comandante del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Bari, deputato al contrasto dei traffici illeciti sull’intero territorio regionale e sul basso adriatico e l’alto jonio.
Con oltre 2.700 missioni aeree e navali, le fiamme gialle pugliesi hanno svolto l’attività di polizia economico finanziaria e il contrasto a fenomeni illeciti come il traffico internazionale di stupefacenti, l’immigrazione clandestina, il contrabbando di tabacchi lavorati esteri, le violazioni ambientali e demaniali.
Significativo, inoltre, il concorso fornito dalla componente aeronavale nel soccorso e nella salvaguardia della vita umana in mare e in caso di pubbliche calamità.

Contrasto ai traffici illeciti via mare
Nell’ambito delle numerosissime missioni operative condotte sul mare dai mezzi aerei e navali, prevalentemente nell’arco notturno, sono stati 5 i quintali di tabacchi lavorati esteri, 3,1 le tonnellate di stupefacente, del tipo marijuana, sottoposti a sequestro e più di 250 i migranti clandestini rintracciati, 27 i trafficanti e gli scafisti arrestati e 13 i mezzi navali catturati, quasi tutti gommoni e motoscafi di grosse dimensioni dotati di potenti motori, idonei a coprire senza difficoltà il tratto di mare che separa le coste pugliesi dalle vicine regioni dell’Albania e della Grecia, anche con condizioni meteo avverse nel tentativo di eludere i controlli delle forze dell’ordine.
Tabacchi lavorati esteri – Il sequestro di tabacchi, operato in diversi interventi aeronavali ha confermato il concreto tentativo di riavviare il contrabbando cosiddetto “extraispettivo”, via mare, in aggiunta al consolidato sistema del contrabbando “intraispettivo” adottato dalle organizzazioni criminali.

Contrabbando intraispettivo: viene introdotta nel territorio dello Stato merce estera attraverso i canali doganali, es. porti, aeroporti, valichi stradali, utilizzando documentazione di accompagnamento falsificata e spesso, anche un carico di copertura.
Contrabbando extraispettivo: si introduce nel territorio dello Stato, merce estera al di fuori dei tradizionali canali doganali, ad esempio con l’impiego di imbarcazioni che arrivano in punti della costa ritenuti poco vigilati. Tale sistema veniva prevalentemente adottato dalle organizzazioni contrabbandiere in Puglia negli anni ’80 e ’90.

Sull’attenzione da attribuire al fenomeno del contrabbando di recente è intervenuto anche il Procuratore Nazionale Antimafia Roberti, in occasione di un incontro con i magistrati baresi del pool Antimafia, affermando che ''Ci sono segnali di allarme importanti per il riaffiorare di alcuni traffici illeciti, come il contrabbando di sigarette, che riguardano le organizzazioni criminali transnazionali'', ricordando che ''tra le più preoccupanti attività illecite gestite da organizzazioni mafiose locali e straniere ci sono il traffico di stupefacenti e i contrabbandi''.

Stupefacenti - Il quantitativo di marijuana sequestrato nel 2013 in territorio pugliese dalle Fiamme Gialle, pari a 6,8 tonnellate, la metà nel corso di operazioni aeronavali, costituisce circa un quarto di quello sequestrato sull’intero territorio nazionale, da parte di tutte le forze di polizia.
Tale dato, se da un lato fornisce la misura dell’efficacia del dispositivo di contrasto integrato posto in essere dalla Guardia di Finanza, dall’altro, tuttavia, è una ulteriore conferma dell’esposizione delle coste pugliesi, soprattutto quelle salentine, a tale minaccia, proveniente prevalentemente dalla vicina Albania.

Tutela delle entrate

Con l’operazione “Enchanted Garden”, conclusa nel settembre 2013, grazie alla ricognizione aerea, sono stati individuati e segnalati ai reparti del Corpo competenti per territorio, oltre 160 immobili di pregio, sintomo di indici di capacità contributiva. Gli approfondimenti, in parte ancora in corso, hanno già permesso di rilevare gravi violazioni in materia di imposte dirette ed IVA, abusivismo edilizio e catasto. Sul mare, attività simile è stata condotta con l’operazione “Sailing Money”, nel corso della quale è stata approfondita la posizione di oltre 250 soggetti, persone fisiche e società, intestatari di imbarcazioni di pregio, rilevando, in diversi casi, una palese incongruenza tra la posizione reddituale degli intestatari ed il valore delle barche ed innescando così gli ulteriori necessari approfondimenti per accertare le violazioni.

Normativa sulla pesca

Sottoposti a sequestro oltre 22 tonnellate di prodotti ittici (pesce di varie specie, datteri, ricci di mare, mitili, crostacei, ecc.), 135 attrezzi e strumenti vari da pesca, 7 imbarcazioni. Individuati 340 responsabili per le violazioni al codice della navigazione, alle leggi sulla pesca ed alla normativa igienico sanitaria. Di questi, 36 denunciati all’Autorità Giudiziaria. Nel corso delle attività sono state ben 972 le imbarcazioni controllate. Nello scenario delle frodi in danno al bilancio nazionale e comunitario (tutela della spesa pubblica), è stata rivolta particolare attenzione a quei soggetti beneficiari di fondi F.E.P. (Fondo Europeo per la Pesca), al fine di verificare il possesso dei requisiti ed il corretto utilizzo delle risorse.

Tutela dell’ambiente e abusivismo demaniale ed edilizio

Nel corso del 2013 sono state 97 le segnalazioni di violazioni alla normativa sull’ambiente. Sottoposti a sequestro 7 discariche abusive, un immobile e 1.130 tonnellate di rifiuti di varia natura. Sul versante dell’abusivismo edilizio e demaniale sono stati apposti i sigilli su due immobili e sequestrati oltre 21.000 metri quadri di aree demaniali per irregolarità gravi o mancanza delle previste concessioni. Individuati complessivamente 68 responsabili, di cui 21 denunciati all’Autorità Giudiziaria e gli altri segnalati per violazioni di carattere amministrativo.
Nell’ambito delle convenzioni stipulate con la Regione Puglia, il Reparto Operativo Aeronavale Bari, collaborando con i tecnici dell’A.R.P.A. Puglia, ha svolto 324 missioni navali al fine di monitorare, vigilare e, se necessario, reprimere le violazioni registrate in materia di immissioni inquinanti nei corpi idrici superficiali. In particolare, nel periodo estivo l’attività di monitoraggio è stata rivolta anche alle acque di balneazione.


Contrasto al lavoro nero

Durante i controlli in materia di polizia economico finanziaria eseguiti dai militari a soggetti operanti sul mare e lungo litorali e porti della Puglia, sono state rilevate 30 violazioni per irregolarità nell’assunzione di personale e segnalati alle Autorità amministrative competenti 32 soggetti.

Ricerca ordigni bellici sommersi

I sommozzatori delle fiamme gialle, nel corso di attività di ricognizione subacquea, hanno rinvenuto 5 ordigni contenenti circa 3,5 quintali di tritolo.
Tutti gli ordigni individuati sono stati, secondo precise procedure, neutralizzati, a mezzo brillamento, dal Nucleo SDAI della Marina Militare opportunamente attivato.
Ciò costituisce, per i reparti specializzati delle Fiamme Gialle, da un lato un servizio di prevenzione e di sicurezza per la navigazione, per la pesca e per la tutela dell’ambiente marino, dall’altro un’attività tipica della polizia giudiziaria, tesa a ridurre il rischio che l’ingente quantitativo di esplosivo contenuto negli ordigni bellici disseminati nei fondali del mare pugliese possa essere recuperato da malviventi e immesso nel circuito della criminalità.

Soccorso

Le unità aeronavali del Corpo, nell’ambito dei dispositivi di soccorso coordinati dalla Capitaneria di Porto, hanno eseguito nell’anno 22 interventi, nel corso dei quali sono state tratte in salvo 11 persone. Il nucleo sommozzatori del Corpo, inoltre, è stato impiegato negli interventi di ricerca e soccorso in occasione dell’alluvione che ha colpito la zona di Ginosa lo scorso mese di ottobre.

Anche per il 2014, l’impegno del Reparto Operativo Aeronavale di Bari sarà orientato ad una costante e sempre più capillare presenza nella circoscrizione di servizio, proseguendo nelle attività di polizia economico-finanziaria in aderenza alle linee programmatiche di indirizzo, in costante sinergia con le componenti territoriali del Corpo e nell’ottica del coordinamento con le altre forze di polizia.
I cardini su cui sarà incentrata l’azione delle Fiamme Gialle nello scenario sopradescritto saranno il costante miglioramento della qualità degli interventi e l’indispensabile opera di ottimizzazione delle non illimitate risorse disponibili.
Il rafforzamento della lotta agli illeciti di natura fiscale e l’approfondimento dei controlli in materia di spesa pubblica nazionale e comunitaria e il contrasto al crimine, costituiranno la concreta risposta alla sempre più pressante richiesta di legalità.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner