Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 21 novembre 2017 - Ore 05:27

Sorpresi con 300 metri di cavi di rame. 4 arresti

Sorpresi con 300 metri di cavi di rame. 4 arresti

Porto Cesareo - Durante la scorsa notte, intorno alle 22.30, i militari della Stazione di Porto Cesareo hanno proceduto all'arresto in flagranza di reato, di furto aggravato di cavi di rame (rete telecom) e interruzione di pubblico servizio, di quattro ragazzi del luogo: Palma Angelo, classe 91, nato a Lecce a residente a Porto Cesareo, celibe, disoccupato, incensurato; Palma Mimmo, fratello del predetto, classe 1995, nato a Nardò e residente a Porto Cesareo, celibe, disoccupato, incensurato; Bruno Davide, classe 1989, nato in Germania e residente a Nardò, celibe, disoccupato, censurato; Arcati Angelo, classe 1994, nato e residente a Nardò, celibe, disoccupato, incensurato.

Impegnati in un servizio serale-notturno di prevenzione dei furti nelle residenze estive, i militari della Stazione di Porto Cesareo, transitando nei pressi delle abitazioni a ridosso della spiaggia denominata "Lido degli Angeli", hanno notato due auto sospette nei pressi di tralicci sostenenti i cavi di rame della Telecom. Rimasti in disparte, hanno chiamato in rinforzo una seconda pattuglia, impegnata nello stesso servizio. Nell'attesa dell'arrivo di quest'ultima, le auto sospette hanno iniziato la marcia. La pattuglia appostata è riuscita a fermarne soltanto una; l'altra, non rispondendo l'Alt, ha accelerato, fuggendo. Non è passato inosservato però, il colore e soprattutto il modello dell'auto: una Audi 80 nera. Dall'identità dei due fermati, i fratelli Palma, e dal modello dell'auto in fuga non è stato difficile ipotizzare chi fossero i fuggitivi. La seconda pattuglia si è quindi recata alla casa di Bruno (l'auto è intestata al papà), trovandovi Davide e Arcati Angelo, nonché, all'interno dell'auto, parte della refurtiva. In tutto erano stati tagliati e caricati sulle due auto, l'altra è un'Audi A4 intestata al papà dei Palma, 300 metri di cavi di rame dalla sezione variabile tra i 32 e i 40 mm. La refurtiva e le due auto sono state sottoposte a sequestro. I quattro giovani, tra cui tre incensurati, sono stati tradotti presso i rispettivi domicili in regime di arresti su disposizione del dott. Arnesano, P.M. di turno.


Foto relative alla notizia

Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner