Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Lunedì, 21 agosto 2017 - Ore 01:13

Il sindaco Ada Fiore ospite di Lilli Gruber a Otto e Mezzo

Il sindaco Ada Fiore ospite di Lilli Gruber a Otto e Mezzo

Corigliano D'Otranto - Ada Fiore la si può definire senza ombra di dubbio un sindaco singolare, unico nel suo genere, in un angolo di Salento davvero speciale. A Corigliano d'Otranto, Ada Fiore è riuscita a rendere questa deliziosa comunità un luogo in cui la filosofia, suo grande amore, la fa da protagonista. Infatti il primo cittadino ha realizzato con il placet e la collaborazione della sua illuminata amministrazione l’ormai celebre "Giardino di Sophia", un parco dedicato alla filosofia (open 24 hours, perché il pensiero non va mai in vacanza) nella speranza che possa diventare un modello da seguire dalle altre realtà salentine e dall'Italia intera, giungendo a essere una possibile strada per uscire dalla crisi e tentare concretamente di liberarsi dalle catene stritolanti del mercato contemporaneo. Ada Fiore è autrice di un libro (che è parte integrante di questo ampio progetto socio/filosofico) dal titolo Vota Socrate edito da Lupo editore.
Il sindaco di Corigliano sarà dunque il 18 gennaio 2014 alle ore 20,30 ospite su La7 della trasmissione di attualità e costume “8 e mezzo” condotta dalla giornalista Lilli Gruber. In studio con Ada Fiore anche lo scrittore e giornalista Beppe Severgnini con il quale si dibatterà di filosofia e di problematiche a carattere filosofico che toccano da vicino la nostra esistenza. L’occasione televisiva sarà inoltre un momento di confronto anche tra due sindaci donna, di due realtà differenti: una salentina appunto con la Fiore e una calabra con Elisabetta Tripodi. Occasione di testimonianza pertanto di due esperienze politico-amministrative del sud d'Italia, che cercano di sfatare con il loro operato i tantissimi luoghi comuni della politica come malaffare.

VOTA SOCRATE (Lupo editore) E se un giorno Socrate si fermasse davanti ai cancelli del Paradiso per discorrere di vizi privati e pubbliche virtù con San Pietro? Ada Fiore, filosofa dell'era 2.0, immagina questo curioso e particolare siparietto, alle soglie del terzo millennio, che vede coinvolti due dei massimi protagonisti, involontari, della controversa querelle tra fede e ragione che anima il dibattito culturale e filosofico da millenni. Socrate, dopo la morte, ottiene il premio della vita eterna tra i meritevoli, ma un disguido gli impedisce di varcare la soglia dell'Empireo e deve attendere più di 2400 anni perché qualcuno si accorga di lui. E quel qualcuno, naturalmente, è proprio il custode delle chiavi, il santo a cui il Cristo ha affidato la custodia del Regno dei Cieli. Da quell'incontro casuale scaturisce un intenso e fitto dialogo sulla società dei nostri giorni, sui mali di cui essa si alimenta quotidianamente e sull'incapacità del genere umano di sfuggire al lento declino a cui sembra destinato. Con un'agile e fruibile prosa l'autrice prende per mano il lettore e lo avvicina all'affascinante mondo dell'arte del pensiero. La filosofia diventa così scienza alla portata di tutti, che si apre alla verifica della quotidianità e diventa strumento per la sua comprensione.
Alternando alla narrazione estratti dei testi originali, Ada Fiore ci introduce nel mondo e nel pensiero di Socrate, filosofo tra i più significativi dell'Occidente e figura attualissima che si distingue per l'integrità morale della sua vita. Il pensatore ateniese, più vivo che mai, sembra avere una risposta a ogni preoccupazione di San Pietro, comprese quelle inerenti le pericolose derive della politica nostrana. E se in mezzo a proclami elettorali e promesse di ogni sorta, i politici contemporanei appaiono privi di proposte convincenti, il "manifesto" di Socrate si caratterizza per la riscoperta di ideali a lungo sopiti, che mettono in comunione, per una volta, i credi più disparati.
Arriverà, forse, dalla filosofia il germoglio di speranza per un futuro roseo?
Ai posteri, anzi agli avi, l'ardua sentenza.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)


Commenti inseriti
Avatar
Il Coriglianese Stufo - 18/01/2014
cit. Fantozzi: "il Giardino di Sofia....... E' UNA CAGATA PAZZESCA!".

1. E' solo una questione mediatica! In realtà ci sono solo un gruppo di persone appassionate di filosofia che si prestano ad acculturale il paese, non riuscendo a coinvolgere per intero la cittadinanza (la filosofia è considerata cosa di nicchia) e pertanto facendo delle cose risibili come l'allestimento di "cantari" (vasi di terracotta di dubbio utilizzo) in Piazza Vittoria (principale luogo di incontro della comunità), è difficile definirla non essendo per niente comunicativa, infatti la gente vi passa davanti e da la giusta importanza esclamando sempre una sola espressione: "MAH?!"

2. Chi è Veramente Uccia Fiore? Una ottima oratrice, moglie del politico e avvocato Lorenzo Ria: più volte parlamentare, ex deputato, ex senatore, ex presidente della provincia di Lecce, ex sindaco di Taviano (avete mai sentito parlare di pensioni d'oro?); cos'altro dire su Ria,con un coerente percorso politico, che passa da U.D.C., Unione di Romano Prodi, per poi appoggiare il suo ex rivale Raffaele Fitto (P.D.L) contro Vendola alle regionali, ritorna al P.D. e poi di nuovo all'U.D.C. e per chiudere la parentesi su Ria ebbene vedere alcune dimostrazioni di competenza politica andando al minuto 5.18 di questo video http://www.youreporter.it/video_Le_Iene_Intervista_parlamentari_ignoranti .
Un quadretto familiare di competenti amministratori.

3. Per quale motivo viene vantata questa signora? La speranza è che non abbia altre ambizioni politiche, vedendo la pessima amministrazione della POLIS KORIANA, visto che da un decennio a Corigliano succedono cose strane. Elenchiamone alcune:

- CRIMINALITÀ ORGANIZZATA: (analisi fatte da alcuni articoli di giornale): gira voce che Corigliano non è più una zona di guerra Sacrista tra il Quelli di Noah e quelli di Scorrano, in quanto in questo decennio è nata la gang dei Coriglianesi che hanno messo pace nella Sacra Corona Unita, ma è risaputo che girano tonnellate di cocaina, e sono notevolmente aumentati: furti di auto e le estorsioni ed i responsabili (più volte arrestati e con una fedina penale che fa loro da curriculum vitae) sono liberi di seminare il panico tra la cittadinanza. Il Sindaco sembra non essere intervenuto in nessun modo, non ha mai espresso una posizione in merito con pubblica dichiarazione, non si è mai vista alcuna denuncia in altre sedi politiche sui fatti accaduti, non si è mai visto un discorso ai cittadini sollecitandoli a non essere vittime dell'omertà, di conseguenza SI POTREBBE PENSARE che il sindaco stesso sia omertoso (ho evidenziato "potrebbe pensare" per evitare ingiurie, calunnie o diffamazioni a riguardo).

- Le Terrazze del Duca (Caffetteria e punto ristoro): cos'è successo? Nessuno (a parte i vincitori del bando) ha mai saputo del bando pubblico per l'assegnazione di un posto strategico sulle terrazze del Castello più bello del Salento. Per quanto riguarda i lavori fatti all'interno per creare un luogo adatto alla ristorazione sono orribili, nuove costruzioni di tramezzi per bagni e cucine rovinano l'edificio Storico di notevole importanza.
Ricordando bene, un membro facente parte della cooperativa vincitrice era candidato nella lista di Ada Fiore alle elezioni del primo mandato. Vabbè sarà un caso e sarò io malpensante.

Discarica: in sintesi, la posizione espressa dal sindaco è: "sblinda i rifiuti, come se fosse antani la discarica della prematurata supercazzola con doppio e riciclato scappellamento ". Il nostro sindaco partecipa alle battaglie solo quando sono ormai perse, per far finta di essere ambientalista. La sua posizione in merito? Non l'ha mai capita nessuno, forse nemmeno lei. Di fatto sta che la discarica sta per entrare in funzione ed è situata sulla falda acquifera dove "la Vasca" (enorme serbatoio che distribuisce acqua a molti paesi circostanti) attinge l'acqua.
CURIOSITÀ: Nonostante i cittadini si impegnino a fare la raccolta differenziata (tant'è che Corigliano è tra i paesi che fanno la migliore raccolta differenziata in tutta Italia), e nonostante Corigliano ospita la nuova discarica, i cittadini pagano una tra le più alte tasse sui rifiuti. Cittadini sono così "sodomizzati" 3 volte.

EDILIZIA: se n'è accorto qualcuno che stanno edificando su delle piene di ulivi secolari e potenzialmente agricole? Perchè? e Come mai il proprietario di quei lotti è un noto geometra di cui non posso fare il nome, famoso per le sue "manovre" di arricchimento MAI denunciate (compravendita di edifici, accatastamenti ribaltati, ecc..)? non si sa, l'unica cosa che si sa è che il Programma di fabbricazione di Corigliano risale al 1977, la cosa simpatica è che solo nel prossimo consiglio verrà adottato il Piano Regionale del 2001 con il "modico ritardo" di 13 anni, intanto si getta a dismisura cemento su cemento.

Non si parla dei veri problemi, perchè Corigliano c'è la fantomatica "filosofia"! Continuiamo a vantare il Sindaco di Corigliano, magari si candiderà alle europee, o alle prossime elezioni come deputato o come consigliere regionale o provinciale, chissà che intenzioni ha. Prima che le passi per il cervello di candidarsi, ebbene far sapere chi è " La Uccia Fiore",penso che a Corigliano sta simpatica solo ai suoi parenti, fuori da Corigliano, viene venerata.

Chiedo scusa per essere stato Anonimo, però i contenuti trattati sono delicati, e voglio evitare "problemi".


Banner
Banner
Banner