Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 23 novembre 2017 - Ore 17:47

XI rapporto Uil: "Meno Cig, ma cala la speranza di un lavoro"

XI rapporto Uil: "Meno Cig, ma cala la speranza di un lavoro"

Lecce - Luci e ombre sul fronte cassa integrazione in provincia di Lecce. Secondo l’undicesimo rapporto della Uil – Servizio Politiche del Lavoro, nel periodo compreso tra gennaio e novembre di quest’anno, le ore complessivamente autorizzate dall’Inps alle imprese salentine sono 5 milioni 396.219, in calo del 34,4% rispetto allo stesso periodo del 2012 (8 milioni 230.175 ore).

Nel dettaglio, crescono tuttavia la cassa ordinaria (+38%, pari a 2milioni 930.672) e quella straordinaria (+3,1%, pari a 1 milione 421.872), a ulteriore conferma che molte crisi hanno ormai assunto il carattere strutturale. In frenata solo la cassa in deroga (-77,9%), per la quale la provincia di Lecce registra il maggior decremento a livello nazionale: da 4 milioni 726.095 ore autorizzate nel periodo gennaio-novembre del 2012, si è passati ad appena 1 milione 043.675 ore.

«Purtroppo non è assolutamente un dato positivo – spiega il segretario generale della Uil di Lecce, Salvatore Giannetto –, piuttosto vuol dire che aumenta la mobilità. Se l’azienda non è più in cig, significa che ha riacceso i motori, oppure che è in fase terminale: non vedo aziende in ripresa oggi, e nemmeno in un futuro vicino, la mobilità significa purtroppo perdere ancora posti di lavoro».
Nel solo mese di novembre, sono state autorizzate in totale 359.333 ore, in calo del 24,2% su ottobre (473.852), ma in aumento del 25,8% rispetto a novembre 2012 (258.623). Dato negativo tendenziale per la cigd, che rimane in crescita sia rispetto a ottobre scorso (+8,3%), sia rispetto a novembre dello scorso anno (+2.341%, da 2.664 a 65.037 ore autorizzate).

«Un quadro, nel complesso, che dopo cinque anni di decrescita e considerate le tendenze in atto, non promette nulla di buono», osserva Giannetto. «E’ del tutto evidente – sottolinea – che con questi dati alla mano e con l’arrivo di un 2014 che presumiamo non facile per molte centinaia di migliaia di lavoratori, le risorse per gli ammortizzatori in deroga, previste dalla Legge di Stabilità, non saranno assolutamente sufficienti a garantire una minima copertura per tutti, con il rischio di un ulteriore aumento delle persone senza lavoro e, di conseguenza, di richieste di Aspi che segnalano lo scivolamento verso il dramma della disoccupazione. Per tutti questi motivi – conclude - sorprende che si pensi a ridurre la copertura della cassa in deroga quando siamo ancora nel pieno di una tempesta economica».


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner