Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 23 agosto 2017 - Ore 19:43

Atti persecutori nei confronti del vice sindaco. Arrestato 63enne

Atti persecutori nei confronti del vice sindaco. Arrestato 63enne

Andrano - Nella tarda serata di ieri, ad Andrano, i militari delle stazioni di Tricase e Spongano unitamente a quelli del Nor di Tricase hanno dato esecuzione ad un ordinanza di applicazione degli arresti domiciliari emessa dal tribunale di Lecce, nei confronti del 63enne Antonio Ria. L'uomo è accusato di manacce aggrevate ed atti persecutori. Dal 2009, in corrispondenza delle elezioni amministrative di Andrano, Ria avrebbe dato inizio ad una lunga serie di condotte “violente” nei confronti del compagno di partito Fabio Accogli divenuto poi vice sindaco.

Ma dalla semplice ingiuria allo stalking il passo è stato breve: minacce, aggressioni fisiche, pedinamenti, appostamenti, tutte condotte che nel tempo hanno determinato nella vittima un comprensibile e giustificato stato d’ansia nonché un legittimo timore per l’incolumità propria e dei suoi familiari tali da configurare il ben più grave reato di atti persecutori. Due gli episodi più eclatanti: il primo avvenuto ad agosto di quest’anno quando la vittima per strada è stata dapprima minacciata con frasi come: “finisci male tu insieme alla tua famiglia” e poi aggredito con pugni, calci, tanto da farlo cadere a terra inerme per poi continuare a subire le percosse con una borsa; secondo episodio ancor più recente quando l’arrestato a bordo della propria auto, incrociando per strada Accogli, simulava di investirlo per poi mimare l’atto dello strangolamento. I militari dell’arma dell’area del capo hanno così raccolto non solo le querele che descrivevano minuziosamente fatti e misfatti durati per ben 4 anni, ma anche le testimonianze di vari soggetti che hanno confermato quanto denunciato dalla vittima e che dimostravano non solo l’assoluto sconforto della stessa difronte a tale situazione ma ormai il condizionamento delle proprie abitudini e della serenità personale. Così l’autorità giudiziaria concordando con le tesi investigative dei carabinieri e della Procura della Repubblica ha oggi emesso a pochi giorni dall’ultima denuncia il provvedimento cautelare. Dopo aver esperito le formalità di rito, Ria è stato tradotto presso la propria abitazione da cui, si spera, non si potrà allontanare ma soprattutto avvicinare alla parte offesa.



Foto relative alla notizia

Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner