Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 22 agosto 2017 - Ore 09:25

Tricase ritira la delibera di affidamento al Politecnico

Tricase ritira la delibera di affidamento al Politecnico

Tricase - Alla decisione del Comune di Tricase di affidare direttamento l’incarico al Politecnico di Bari per consulenza alla redazione del nuovo Pug, l’Ordine degli Architetti PPC di Lecce aveva reagito con un ricorso. Sostenendo la necessità di un bando pubblico e soprattutto le ragioni dei propri iscritti, in tal modo tagliati fuori, a priori, da qualsiasi possibilità di un eventuale incarico.

Modalità non nuova, da parte delle Pubbliche Amministrazioni territoriali, e che negli ultimi anni ha visto l’Ordine ricorrere, e vincere, contro numerose delibere di tale natura (dal Comune di Lecce all’Asl), soprattutto in favore di Università.

E anche stavolta la decisione del Comune di Tricase di ritirare la delibera “incriminata” prima ancora del pronunciamento del Tar sembra un riconoscimento esplicito alle posizioni sostenute per conto dell’Ordine degli Architetti dall’avv. Adriano Tolomeo. Posizioni nitide ed evidenti: pari dignità per tutti i professionisti dinanzi ad incarichi di evidente natura pubblica, e tutela del principio della libera concorrenza.

“Ritirando la delibera il Comune di Tricase ha implicitamente riconosciuto le nostro ragioni”, commenta Massimo Crusi, presidente Ordine degli Architetti PPC di Lecce. “E d’altra parte solo alcuni mesi fa una situazione analoga era stata pesantemente e negativamente valutata dalla Corte di Giustizia Europea, specificando che l’accordo tra Amministrazioni è possibile sono quando siano presenti specifici elementi di carattere scientifico. Vorrei però emergesse un punto più complessivo, vale a dire ancora una volta la conferma che, in accordo con l’Europa, il conferimento degli incarichi deve avvenire con procedure di evidenza pubblica e il mercato del lavoro deve essere in ogni caso salvaguardato. Un punto cruciale in un momento in cui la nostra professione vive una grandissima difficoltà e il mercato del lavoro è, soprattutto al sud, determinato e condizionato in modo evidente dalla committenza pubblica che, nonostante la crisi e gli arretrati nei pagamenti, resta una delle principali stazioni d’appalto.
Una strada, quella della evidenza pubblica, cui sarà sempre più difficile sottrarsi, a meno di non voler nuovamente incappare nella giustizia amministrativa, disconoscendo la platea degli architetti quale interlocutrice privilegiata per incarichi di tale natura”.



Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner