Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 18 agosto 2017 - Ore 16:35

Gli operai della ditta Scarlino rompono il silenzio e scrivono alla stampa

Gli operai della ditta Scarlino rompono il silenzio e scrivono alla stampa

Taurisano - A distanza di circa un mese e mezzo dal giorno in cui il 53enne Mario Orlando, impiegato del salumificio Scarlino, ha perso la vita schiacciato in un'impastatrice dell'azienda, mentre la stava pulendo con un'idropulitrice, i suoi colleghi rompono il silenzio ed indirizzano una lettera a stampa e tv locali.

Di seguito il testo integrale:

"A quaranta giorni di distanza dal tragico incidente che è costato la vita al nostro collega Mario Orlando, non c’è momento della nostra giornata di lavoro in cui il suo ricordo non rimbalzi in ciascuno di noi: sia a chi lo ha avuto affianco per tanti anni, in produzione, sia a coloro che lavorando in ufficio vedono la sua foto – in più momenti della giornata – che campeggia nella hall dell’azienda. Ed è proprio nel dolore e nel rimpianto della sua morte che chiediamo a tutti gli organi di stampa che si sono occupati della sua scomparsa, e delle indagini giudiziarie che ne sono seguite, a cosa si riferiscono quando parlano di atteggiamento di omertà e reticenza che avrebbe caratterizzato il nostro comportamento dal 30 agosto ad oggi. Cosa abbiamo taciuto o nascosto?

Ognuno di noi avrebbe voluto collaborare di più e meglio con le Autorità Giudiziarie, nei confronti del cui operato tutti riponiamo la più completa fiducia, per fornire loro ulteriori elementi utili a dipanare una vicenda dolorosissima. Ognuno di noi avrebbe voluto ringraziare gli organi investigativi e tecnici intervenuti celermente nell’ispezione dell’intero impianto, ritornato a funzionare – dopo un iniziale sequestro durato dodici giorni - perché “le macchine non presentano anomalie o carenze in materia di sicurezza”. Ognuno di noi avrebbe voluto dire la sua per definire meglio, a chi non lo conosce, la figura del nostro amministratore dipinto in tutti gli articoli della carta stampata e dei giornali on line come un “pericolo pubblico”, identikit dal quale ci dissociamo pubblicamente.

Se così non fosse ci domandiamo come abbia potuto l’azienda – grazie anche all’attività ed all’impegno personale di Attilio Scarlino - conseguire importanti riconoscimenti non solo per la sua produttività, ma anche in termini di qualità, dimostrata dalle numerose certificazioni ottenute, e soprattutto di umanità. Se così non fosse, se cioè in azienda si vivesse e si lavorasse al limite della sicurezza, perché molti di noi cercherebbero in tutti i modi di far assumere anche i propri figli, le proprie mogli, le proprie fidanzate? Solo per le difficoltà occupazionali che vive il nostro territorio?

Siamo cresciuti con l’azienda e, pur essendo quasi 120, ci consideriamo un’unica grande famiglia. Ed in un’unica grande famiglia, la scomparsa di uno dei suoi componenti, così come l’alterata considerazione esterna che viene disegnata dalla stampa su un altro - soprattutto se frutto di esagerate interpretazioni di chi non lo conosce neppure - sta a cuore davvero a tutti!"


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner