Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 24 novembre 2017 - Ore 19:29

Arrestato Ultrà del Lecce per lancio di bengala durante la partita

Arrestato Ultrà del Lecce per lancio di bengala durante la partita

Lecce - Continua il "pugno duro" da parte della Questura del capoluogo salentino nei confronti della tifoseria leccese.

Durante la partita Lecce-Barletta di domenica scorsa, proprio nella giornata in cui riaprivano le porte della curva nord dopo la squalifica inflitta a seguito dei disordini del giugno scorso (incidenti avvenuti al termine di Lecce-Carpi), sulla gradinata dello stadio di Via del Mare sono stati accesi tre bengala, due dei quali sono finiti sul terreno di gioco. 

Le telecamere posizionate di fronte al settore che ospita la parte più calda della tifoseria giallorossa, hanno consentito al personale della Digos di individuare i responsabili. Le immagini, pochi minuti dopo l'inizio della partita, hanno immortalato un tifoso con un fumogeno acceso che saliva sulla balaustra per sporgersi in avanti e lanciarlo sul campo di gioco.

Il tifoso durante tutta la partita è stato visionato dagli agenti della Digos finché, ad incontro terminato, è stato fermato ed identificato: si tratta di Sandro Scarpa, un 47enne leccese.

Grazie alla prova documentale rappresentata dalle registrazioni, l’uomo è stato tratto in arresto nella mattinata di oggi e sottoposto al regime dei domiciliari, per "possesso e lancio di artifici pirotecnici nell'ambito di una competizione sportiva".

Ancora in corso, invece, le indagini per identificare i tifosi del Barletta che durante la gara si sono resi protagonisti del lancio di grossi petardi e persino di alcune bombe carta, di cui una esplosa proprio a ridosso del terreno di gioco. Fatto, questo, di eccezionale pericolosità e che ha messo seriamente a rischio l'incolumità di giocatori, personale dello stadio e spettatori. Appare strano, proprio per tale motivo, che gli autori di questo sconsiderato gesto non siano stati ancora individuati.

Questo episodio alimenta le polemiche di chi ritiene che negli ultimi anni vi sia da parte delle Forze dell'Ordine un atteggiamento di "linea dura" soltanto nei riguardi dei tifosi leccesi, con evidente disparità di trattamento rispetto a quello riservato alle tifoserie ospiti al Via del Mare, a cui è consentito ciò che ai padroni di casa non viene assolutamente perdonato. 

Si è, infine, proceduto alla denuncia in stato di libertà di un 37enne tifoso barlettano, N.N., che durante il primo tempo, giratosi di spalle, ha pensato bene di esibirsi in pubblico, abbassandosi i pantaloni per mostrare le parti intime ai tifosi avversari. Una bravata che probabilmente il giovane ha trovato divertente, ma di cui altrettanto probabilmente si starà pentendo, essendogli costata una denuncia.

Inoltre, dopo la gara Lecce-Barletta il Giudice Sportivo ha inflitto un'ammenda di 1.000,00 euro alla società giallorossa proprio a causa dell'introduzione e dell'accensione di fumogeni da parte di alcuni tifosi nel proprio settore.

La Redazione


Foto relative alla notizia

Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner