Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 19 agosto 2017 - Ore 07:33

Adoc su Piano Paesaggistico: "Un grande passo avanti per il territorio"

Adoc su Piano Paesaggistico: "Un grande passo avanti per il territorio"

Lecce - La Puglia, prima regione in Italia, si dota di un importantissimo strumento di pianificazione territoriale, moderno e adeguato al Codice dei Beni culturali e del Paesaggio. Finalmente un territorio delicato quale quello pugliese, bellissimo, ma costantemente sotto scacco degli speculatori, potrà essere messo in sicurezza e accompagnato verso una pianificazione attenta dei nuovi interventi.

Il piano elaborato dall’Assessorato al Territorio della Regione Puglia supera il vecchio PUTT e introduce importanti innovazioni nella pianificazione che allineano la Puglia alle migliori esperienze europee: si definisce, ad es. il rapporto città/campagna, per riqualificare periferie e contorni urbani; si introduce il concetto della mobilità lenta, per rendere più accessibile i territori; si fa strumento di opportunità e di limite alla discrezionalità relativa alla pratica delle autorizzazioni, affinché il paesaggio sia ‘integrato’ in ogni intervento di trasformazione del territorio.

In questi anni, tra strade inutili e vecchi progetti dissennati tirati fuori da polverosi cassetti in nome della “crisi” e della fame di lavoro hanno portato un vero sconvolgimento del territorio pugliese: più di 100 ettari al giorno di consumo o sciupio del suolo agricolo non sono evidentemente sostenibili! Nella provincia di Lecce abbiamo esempi drammatici di tutto ciò: a partire dallo scempio di Porto Miggiano, alla inutile Regionale 8, al controverso allargamento della Maglie-Otranto, alla faraonica SS 275 che nei progetti iniziali avrebbe letteralmente distrutto il territorio del Capo di Leuca, alla progressiva distruzione dei cordoni dunali.

Il Piano contiene invece importanti linee guida sulla riqualificazione anche delle fasce costiere e interventi efficaci per arginarne le erosioni, recupero delle ‘sapienze’ locali. Il piano contiene delle premialità per quei Comuni virtuosi che adeguano i loro piani al nuovo PPTR.

Questo è un piano di “tutela attiva”. Gli amministratori e i tecnici seri, gli imprenditori edili responsabili e in generale tutto il sistema produttivo regionale troveranno in questo Piano un alleato forte, che stimolerà scelte più responsabili e meno impattanti per il territorio.

Un plauso deve andare quindi all’assessore al Territorio Angela Barbanente che fortemente ha voluto questo PPTR. I cittadini, le associazioni, tutte le entità singole o aggregate che amano il territorio devono difendere questo Piano che rassicura i pugliesi che il territorio torna sotto controllo democratico e viene sottratto dalle grinfie degli speculatori.

Una associazione per i diritti dei consumatori come ADOC ha tutto l’interesse a che i cittadini e i consumatori di oggi e di domani possano godere di un territorio ben custodito e addirittura migliorato e valorizzato.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner