Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 21 novembre 2017 - Ore 18:43

Giannetto e Nastrini sull'esito del vertice Filanto in Provincia

Giannetto e Nastrini sull'esito del vertice Filanto in Provincia

Lecce - Si è svolto in mattinata, presso la Presidenza della Provincia di Lecce, l’incontro per la vertenza dei 600 lavoratori del cluster Filanto, da otto mesi senza stipendio né cassa integrazione. È stato deciso che proprietà aziendali di Filanto Spa e delle società del cluster erogheranno direttamente, o indirettamente, ad ogni lavoratore sospeso la somma di 1.000 euro nette procapite, da imputare a future spettanze contrattuali e di legge. La suddetta somma verrà erogata entro e non oltre il corrente mese di settembre, con assegni circolari non trasferibili intestati agli aventi diritto ed emessi anche da parte di terzi estranei alle aziende coinvolte. Le proprietà renderanno disponibile una prima tranche dell’importo, pari a 50mila euro, già da lunedì 9 settembre.

Soddisfatti dell'esito del vertice Salvatore Giannetto e Franco Nastrini, rispettivamente segretario generale di Uil e Uiltec Lecce. “Finalmente una boccata d’ossigeno per i lavoratori – commentano – ma la risoluzione della vertenza è ancora lontana. Questi soldi sono il segno tangibile di un impegno da parte dell’azienda, ma si tratta di un accordo “propedeutico” all’incontro di lunedì prossimo, quando i vertici della Regione incontreranno i ministri del Lavoro e dello Sviluppo economico per individuare soluzioni straordinarie finalizzate a dare copertura a tutte le mensilità arretrate”. 

La procedura di cassa integrazione, com’è noto, avrebbe dovuto decorrere da gennaio 2013, ma è stata bloccata in seguito all’intervento delle fiamme gialle, che hanno proceduto a un sequestro conservativo dell’azienda in virtù del quale sono venute meno le risorse che servivano al concordato preventivo, determinando il blocco della cassa integrazione, perché non vi erano più i requisiti per concederla. “Confidiamo nell’incontro di lunedì prossimo – dicono Giannetto e Nastrini – per un accordo che possa finalmente risolvere la drammatica situazione in cui versano i lavoratori del cluster Filanto. Una volta risolta la questione della cig arretrata – proseguono – il passo successivo sarà discutere il piano di rilancio dell’azienda, che dovrebbe riassumere una trentina di operai e nel frattempo ripresentare le istanze di concordato preventivo per accedere agli ammortizzatori sociali per i prossimi 12 mesi. Inoltre parte dei lavoratori – concludono - potrebbe essere reimpiegata in altri settori: è già in corso una trattativa con quindici Comuni della provincia, puntiamo ad una possibile convenzione che possa restituire la certezza di un futuro per decine di famiglie”.

 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner