Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 19 novembre 2017 - Ore 06:10

Tentano di rubare per la quarta volta 30 capi di bestiame. Arrestati

Tentano di rubare per la quarta volta 30 capi di bestiame. Arrestati

Nardò - In tre diverse occasioni  tra la fine di giugno e gli inizi di Luglio, un allevatore di Nardò ha visto sparire dal proprio ovile 30 capi di bestiame (pecore e capre), asportate in orari diversi ad opera di ignoti che si erano introdotti nella sua proprieta’  sita in localita’ “PITTUINI”  in agro di Nardo’.

La Polizia di Nardò, allertata dalla frequenza degli episodi, segnalati anche da altri allevatori, ha posto in essere uno specifico servizio di appostamento ed osservazione nel corso del quale, ieri, intorno  alle ore 13:30, una volante ha notato un furgone Ducato di colore  bianco transitare sulla statale Nardo’ Avetrana. Gli operatori, dopo averlo seguito senza perderlo di vista, si appostavano presso la rete di recinzione dell’ovile in argomento e precisamente nel punto in cui i malviventi avevano praticato uno squarcio nella rete di recinzione  per  potersi introdurre con il furgone. Ma, proprio mentre stavano entrando per compiere l’ennesimo furto, sorpresi dagli agenti, i ladri tentavano di darsi alla fuga a piedi nelle campagne, dove venivano bloccati.

I due malviventi, identificati per Vito Mazza, trentaseienne pluripregiudicato di Manduria, conosciuto dalle forze dell’Ordine e Sorvegliato Speciale con obbligo di Soggiorno nel Comune di Manduria ed il trentaduenne DINOI Maurizio, anch’egli conosciuto negli ambienti malavitosi con precedenti specifici, anch’egli di Manduria, venivano arrestati per tentato furto aggravato in concorso tra loro e condotti agli arresti domiciliari a disposizione del P.M. della Procura della Repubblica di Lecce Antonio NEGRO.

Inoltre il Mazza dovrà rispondere della violazione degli obblighi inerenti la Sorveglianza Speciale di P.S., mente il DINOI, dovrà rispondere anche per la violazione dell’art. 116 per guida senza patente poiche’ mai conseguita.

Nel corso dell’attività i due, messi alle strette dalle risultanze probatorie, oltre a confessare di essere giunti li per rubare un'altra decina di capi di bestiame, confessavano di essere gli autori degli altri tre precedenti furti e di aver trasportato gli ovini a Manduria in un podere nella disponibilita’ del MAZZA. A questo punto gli agenti del Commissariato di Nardo’ si recavano nelle campagne di Manduria ove venivano rinvenuti i capi di bestiame, provento furto, che, dopo essere stati riconosciuti come propri dall’allevatore derubato, circostanza suffragata dalla presenza di microchip di cui erano muniti i singoli capi, venivano restituiti.       


Foto relative alla notizia

Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner