Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 25 novembre 2017 - Ore 08:34

Torino, tolta figlia agli anziani genitori naturali

Torino, tolta figlia agli anziani genitori naturali

Italia - Torino, il tribunale per i Minori ha tolto una bambina di un anno e mezzo ai suoi genitori naturali, dichiarandola adottabile, tutto questo perché i suoi genitori naturali perché sono troppo anziani,ovvero hanno rispettivamente 70 anni il padre e 57 la madre.
La bambina è nata grazie alla fecondazione artificiale fatta all'estero, il 26 maggio 2010 scorso all'ospedale Sant' Anna di Torino.

Secondo quanto afferma il Tribunale, la bimba è «il frutto di un'applicazione distorta delle enormi possibilità offerte dal progresso in materia genetica». Quindi, la volontà di concepirla si fonda sulla volontà di soddisfare a tutti i costi i propri bisogni che, collidono con il bene della bambina perchè in qualche modo cambiano quelle che sono le prospettive di vita considerate “normali”.
I genitori della bambina hanno annunciato di voler presentare ricorso contro la decisione del Tribunale.

Ma, il tribunale fonda la sua decisione su alcuni punti chiave:
1. Secondo il Tribunale la figlia si ritroverà orfana in giovane età e prima ancora sarà costretta a curare i genitori anziani, che potrebbero avere patologie più o meno invalidanti.
2. L’adozione era stata già respinta due volte, quindi i due coniugi, sposati dal 1990, non riuscendo ad avere figli, si erano sottoposti a dieci tentativi di fecondazione assistita in Italia, senza avere nessun risultato, decidendosi così, di rivolgersi all’estero.
3. La bambina ad un mese di vita era stata data in affidamento dopo la segnalazione di alcuni vicini della coppia che avevano denunciato che la bambina era stata lasciata da sola nell'auto per alcuni minuti, anche se, non in situazione di pericolo.

Questa vicenda sta facendo già molto discutere e ha già diviso l’opinione pubblica. Ma non bisogna dimenticare che gli italiani il 12 e il 13 Giugno 2005, erano stati chiamati ad esprimersi sul divieto di fecondazione eterogenea, su finalità, diritti e limiti alla procreazione assistita e, alla ricerca sperimentale sugli embrioni.
Ma, il referendum non raggiunse il quorum, perché solo il 25,9% degli aventi diritto al voto si recò alle urne.

Daniela Coluccia


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner