Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 23 novembre 2017 - Ore 06:26

Sequestravano connazionali costringendole a prostituirsi. Arrestati

Sequestravano connazionali costringendole a prostituirsi. Arrestati

Ugento -

Nella tarda serata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Ugento assieme ai colleghi del Nucleo Operativo e Radiomobile di Casarano e quelli della Stazione di Taurisano hanno proceduto all’arresto per il reato di violenza sessuale, sequestro di persona, rapina, percosse e lesioni personali, di:

KOTSEVA RUMYANA 26enne di nazionalità bulgara e IVANOV IVAYLO  25enne di nazionalità bulgara.

I fatti hanno avuto inizio intorno le 07.30 del 03 Luglio 2013 quando I.O.  ventitreenne bulgaro in Italia da pochi giorni insieme alla giovane moglie anch’ella bulgara chiama i Carabinieri in lacrime. All’arrivo degli uomini dell’Arma lo scenario che si presente è drammatico. In lacrime e con molte difficoltà linguistiche il giovane riesce a spiegare ai militari che, dopo averlo picchiato e rapinato di soldi e cellulari, la propria moglie, incinta al quinto mese, era stata portata via da alcuni connazionali con la forza e contro la propria volontà probabilmente in direzione di  Brindisi per costringerla a prostituirsi. Immediatamente diramate le ricerche a tutti i comandi Carabinieri della provincia di Lecce e Brindisi i militari della Stazione di Ugento accompagnano presso la loro caserma il giovane al fine di meglio comprendere la situazione. Da quel momento è scattata una serie di frenetiche attività per i militari della Stazione di Ugento che ha permesso di rintracciare la giovane donna, di accertare le sue condizioni di salute e di appurare come siano andati effettivamente i fatti scoprendo così una verità drammatica. In effetti la ragazza, da poco in Italia con ben altre speranze,  era stata portata con la forza via dai connazionali per costringerla a prostituirsi nel Brindisino contro la sua volontà ma l’intervento dell’Arma ha fatto desistere i prevenuti. Le immediate ricerche hanno consentito ai militari di rintracciare due dei connazionali rei di aver commesso tali delitti e tuttora si è alla ricerca di un terzo complice al momento non ancora meglio identificato.

Dell’intero accaduto è stato informato il PM di Turno presso la Procura di Lecce il quale ha disposto il fermo dei due cittadini bulgari e la loro traduzione a sua disposizione presso la casa circondariale di Borgo San Nicola.

 

 

 

 

 

 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner