Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 16 agosto 2017 - Ore 15:35

"Shibari", confermata asfissia per giovane salentina

"Shibari", confermata asfissia per giovane salentina

Italia - E' stato confermato il soffocamento per Paola Caputo, la 23enne salentina di Villa Baldassarri deceduta il 10 Settembre scorso, a causa di un gioco erotico, lo "Shibari".

Questi sono i primi risultati dell'autopsia eseguita dal medico legale Giorgio Bolino per conto della Procura di Roma. I risultati definitivi si avranno tra un paio di mesi dopo i test tossicologici.

La salma della giovane studentessa dell'Università della Sapienza arriverà questa sera e i funerali si svolgeranno in forma privata giovedì nella Chiesa del Carmelo di Villa Baldassarri.

I legali Francesca Conte e Maria Calise, hanno divulgato un comunicato per conto dei genitori della ragazza, i quali sosterranno nel corso del processo che la loro giovane figlia, è stata vittima di un "gioco"  organizzato e diretto da altri e, chiedono che la "memoria" di Paola non venga infangata dalle dichiarazioni della controparte, l'Ingegnere romano di 42 anni, Sorter Mulè, per  il quale è stato convalidato l'arresto e sono stati disposti gli arresti domiciliari da parte del Gip del Tribunale di Roma, Marco Mancinetti.

Secondo il Gip non vi è stata nessuna costrizione da parte dell'uomo verso le due ragazze coinvolte nella pratica erotica. Quindi le due vittime avrebbero accettato spontaneamente di essere legate, in ogni caso l'uomo indagato ha commesso una grave imprudenza, ovvero ad aver dato il via alla pratica dello "Shibari" nella quale era poco esperto. Il suo errore fatale sarebbe stato inoltre quello di non tenere accanto a sè un coltello, nell'eventualità di tagliare le corde in caso di pericolo, come impone l'antica pratica giapponese. Se così avesse fatto, la giovane non sarebbe morta soffocata dalle corde che aveva intorno al collo, dopo essere svenuta.

Le indagini sono in corso, l'unica cosa certa in questa storia è che i giochi normalmente sono delle attività con funzione ricreativa che coinvolgono uno o più giocatori, i quali hanno un obiettivo da raggiungere ed un insieme di regole da seguire. Se tutto questo non avviene e soprattutto quando il gioco diventa un gioco erotico, perverso e pericoloso, allora bisogna stare attenti affinchè il gioco non diventi tragedia.

Daniela Coluccia


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner