Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 16 agosto 2017 - Ore 23:51

Equitalia: per i giudici di Lecce sono illegittime le maggiorazioni

Equitalia: per i giudici di Lecce sono illegittime le maggiorazioni

Lecce - Le somme iscritte a ruolo a titolo di maggiorazione per ritardato pagamento di infrazioni al Codice della Strada sono illegittime.

E’ quanto sostenuto da due recentissime sentenze emesse dai Giudici di Pace di Lecce che, nel solco tracciato da una sentenza della Cassazione del 2007, negano l’applicabilità alle sanzioni amministrative pecuniarie della maggiorazione semestrale prevista dall’art. 27 della Legge 689/81.

 “Infatti, quando Equitalia notifica ad un cittadino una cartella esattoriale per infrazioni al codice della strada – specificano l’avv. Pierfausto Pagliara e l’avv. Alessandro Calòintima il pagamento di ulteriori somme il cui importo è pari ad un  tasso semestrale del 10 %”.

E tale aumento incide sensibilmente  sugli importi richiesti giacché si tratta di somme che, sino all’inizio della procedura di riscossione, si aggiungono a quelle della multa.

Considerato, poi, il notevole (nonché discutibile) lasso di tempo impiegato dagli enti locali per avviare la procedura di riscossione tramite iscrizione a ruolo,  questi importi fanno “lievitare” la cartella esattoriale sino a portarla  ad una somma doppia rispetto a  quella originariamente pretesa.

Ed il tutto si traduce in un ulteriore  aggravio  per il cittadino.

Per fare un esempio, basti pensare che per una multa del 2008 dell’importo iniziale di euro 500,00, dopo circa 5 anni con la notifica della cartella esattoriale si può arrivare addirittura ad euro 900,00, in quanto si aggiungono le dette maggiorazioni.

Ebbene – continuano i legali – dopo aver avviato numerosi ricorsi innanzi ai Giudici di Pace di Roma, finalmente con queste due sentenze anche a Lecce questo “ricarico” è stato ritenuto illegittimo giacché sia l’ente accertatore  ha da sempre operato una falsa  applicazione dell’art. 27 l. 689/91.

Esso infatti riteneva, a torto, che tale disposizione potesse valere anche per le contravvenzioni al codice della strada, quando in realtà si riferisce esclusivamente alle ordinanze-ingiunzioni prefettizie e pertanto non è suscettibile di applicazione estensiva o analogica”.

Pertanto, sulla scorta di tali argomentazioni, i Giudici di via Brenta hanno accolto la domanda dichiarando non dovuti tali importi.

 

 

 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner