Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 19 novembre 2017 - Ore 00:29

Incendiano un’auto per vendetta, denunciati in cinque

Incendiano un’auto per vendetta, denunciati in cinque

Galatone - I Carabinieri delle Stazioni di Galatone e Neviano nella mattinata di ieri ed a seguito di indagini lampo eseguite congiuntamente a partire dalla notte del 12 giugno scorso hanno denunciato 5 persone per danneggiamento seguito da incendio.

La notte tra il 11 e il 12 giugno scorso un incendio appiccato ad un’autovettura parcheggiata a Galatone in via G. DE FERRARIS ha danneggiato, praticamente distruggendola, una Fiat Punto. Immediato l’intervento dei Carabinieri della Stazione di Galatone che, messa in sicurezza l’area e scongiurato ogni ulteriore pericolo, hanno avviato una certosina ed approfondita attività di repertamento e sopralluogo sulla scena del crimine prima e, unitamente ai colleghi della Stazione di Neviano, di elevato spessore info-investigativo poi.

Dalle indagini lampo avviate dai Carabinieri di Neviano e Galatone, sono emerse le responsabilità dei cinque denunciati, due dei quali hanno agito come mandanti ed altri tre come materiali esecutori del reato. I fatti da cui la vicenda si origina e porta all’epilogo dell’incendio di due notti fa si riferiscono a qualche mese addietro quando, nell’ambito di un normale controllo di routine, personale della Asl di Nardò ha eseguito a carico di P.P., classe 1980, nato a Galatina ma residente a Galatone, venditore ambulante di pollame, una serie accertamenti igienico – sanitari che evidentemente hanno “infastidito” (e non poco) il suddetto P.P.. Una ventina di giorni fa, infatti, il P.P. ha dato mandato ad un suo dipendente, F.C., classe 1993, nato a Nardò, ma residente a Galatone, di reperire qualcuno disposto a dare fuoco all’autovettura di uno dei presunti responsabili dei controlli di cui sopra. F.C., che inizialmente non era troppo d’accordo a rendersi correo di quanto richiestogli, vistosi quasi costretto a seguito di una reiterata richiesta del P.P., seguita dalla minaccia di perdere il posto di lavoro, all’inizio di questa settimana, e dietro il pagamento di qualche centinaia di euro ha “ingaggiato” L.R., classe 1990, nato a Casarano ma residente a Neviano; P.A., classe 1989, nato a Nardò, ma residente a Neviano; G.P., classe 1994, nato a Nardò, ma residente ad Aradeo che, nella notte tra l’11 e il 12 giugno scorso hanno dato esecuzione alla “vendetta”.

Sul “locus commissi delicti” i militari intervenuti, a seguito di una sertosina ed accuratissima attività di sopralluogo e reperta mento, rinvenivano e sottoponevano a sequestro residui di una bottiglia di plastica ed un pezzo di stoffa riconducibile ad una tuta mimetica militare. Oggetti che sarebbero poi stati di fondamentale importanza per il prosieguo dell’attività investigativa e che emanavano un forte odore di benzina. Alle successive ore 02,30 circa, alla Centrale Operativa della Compagna Carabinieri diGallipoli, giungeva comunicazione telefonica con richiesta di intervento di ambulanza in Neviano per soccorso ad un giovane che si era gravemente ustionato. E’ in questa fase che la preparazione professionale dell’Operatore della Centrale, unita all’acume investigativo dei Carabinieri di Galatone e Neviano operanti, si sono rivelate determinanti.

Il soggetto in questione, infatti veniva identificato in veniva identificato L. R., tutt’ora ricoverato al centro grandi ustionati dell’Ospedale di Brindisi. Nella considerazione che L. R. era rimasto ustionato nel corso della stessa notte e che gli indumenti dallo stesso indossati, corrispondenti ai brandelli rinvenuti sul luogo dell’incendio, emanavano forte odore di benzina, si addiveniva alla conclusione che uno degli autori dell’incendio dell’autovettura era, con ragionevole certezza, L.R.. Quindi le indagini venivano da subito indirizzate sulle amicizie e sui luoghi frequentati dallo stesso ed in tal modo si riusciva ad appurare che L. R., nel corso della sera dell’ 11.6.2013, era stato notato in compagnia di tale P.G. di Aradeo e tale A.P. di Neviano, con l’autovettura di quest’ultimo. Gli stessi venivano identificati e rintracciati, il primo in Aradeo ed il secondo in Neviano. G.P. in particolare presentava evidenti segni di bruciatura alle sopracciglia, ai capelli, allo zigomo sinistro ed al dorso della mano sinistra. Lo stesso in un primo momento dichiarava di essersi procurato le ustioni nella propria abitazione, ma poi, di fronte all’evidenza degli schiaccianti elementi raccolti dai Carabinieri a suo carico, ammetteva ogni responsabilità e, rendendo piena confessione, permetteva di acclarare i fatti ed i ruoli di ognuno.

P.A. infine, nel momento in cui gli si richiedeva dove fosse l’autovettura da lui condotta la sera dell’ 11 giugno scorso, spontaneamente riferiva di essersi prestato per accompagnare in Galatone sia il L.R. che il G.P..

 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner