Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 20 agosto 2017 - Ore 12:01

Cir: emergenza asilo, violati i diritti degli immigrati

Cir: emergenza asilo, violati i diritti degli immigrati

Lecce - Stamattina davanti all’ufficio del Consiglio Italiano per i Rifigiati (CIR) di Lecce si sono presentati 17 richiedenti asilo di nazionalità afgana arrivati sul territorio salentino il 24 aprile 2013. Nonostante sia trascorso un mese e mezzo dall’arrivo sono tutti ancora in attesa di inserimento in un centro di accoglienza, per indisponibilità di posti, e hanno passato questo tempo a dormire in strada o in posti di fortuna. Dopo il loro arrivo sono stati invitati dalla Questura di Lecce a ripresentarsi il 21 maggio e poi, non essendo ancora disponibili posti di accoglienza, a presentarsi nuovamente alcuni il 24 giugno altri ancora all’inizio di luglio.

Hanno solamente un verbale d'identificazione, ma nessuno di loro possiede né un attestato nominativo, né un permesso di soggiorno come prevede la legge. “E’ una gravissima violazione dei loro diritti di accoglienza. La legge italiana è chiara: prevede che ogni richiedente asilo che arriva in Italia senza adeguati mezzi di sostentamento ha diritto a forme materiali di accoglienza sin dal momento in cui presenta domanda di protezione. E’ grave che queste persone abbiano passato mesi per strada. Ci chiediamo inoltre perché non abbiano né un attestato nominativo, né un permesso di soggiorno, anche su questo punto la legge è chiara e deve essere rispettato il loro diritto a possedere documenti validi e riconoscibili. Abbiamo già scritto al Prefetto e stiamo in attesa di avere risposte, speriamo positive. In caso contrario valuteremo se ricorrere per vie legali” dichiara Christopher Hein direttore del CIR.

Di regola un richiedente asilo dovrebbe essere accolto a seconda della loro condizione personale nei CARA o nello SPRAR, sistema però numericamente insufficiente che nel 2013 ha  previsto solo 3.700 e che dovrebbe a breve essere potenziato sino a raggiungerne 5.000. Ormai anche i CARA italiani sono al limite della loro capacità recettiva e non hanno più la possibilità di inserire nuovi richiedenti asilo. Sono molte, in diverse parti d’Italia, le persone costrette ad attendere mesi prima di vedersi riconosciuto un diritto individuale. Qualora non ci sia posto né nel circuito dello SPRAR né in quello dei CARA, la legge prevede, infine, che i richiedenti asilo ricevano un contributo economico giornaliero dalle Prefetture. Contributo che, come CIR, non abbiamo mai visto erogare né a Lecce né in altre parti d’Italia.

“Il sistema di accoglienza italiano è al collasso, non ha più posto per inserire richiedenti asilo e sono molti anche i rifugiati che si trovano esclusi. Ma questa disfunzione non la possono pagare sulla pelle le persone. Se non ci sono posti d’accoglienza che almeno la Prefettura riconosca loro, come previsto dalla legge, il contributo economico. Stiamo assistendo a una sistematica violazione della normativa e dei diritti previsti in Italia e in Europa.” dichiara Christopher Hein.

Il CIR chiede una forte revisione delle procedure di accoglienza che riguardano i richiedenti asilo. Per permettere il funzionamento del sistema è chiaro che i CARA devono tornare alla loro funzione primaria, quella di dare accoglienza  ai richiedenti asilo per un tempo breve come previsto dalla legge per un massimo di 35 giorni, per poi permettere un loro inserimento nello SPRAR.

“ Il problema è che ormai nei CARA i richiedenti asilo passano moltissimi mesi, in alcuni casi anche dopo il riconoscimento della protezione. Se non si facilita l’uscita dai CARA e l’inserimento nello SPRAR avremo sempre una disfunzione: il sistema di accoglienza è come un collo di bottiglia che non permette al flusso di passare. Si deve garantire una sicura e pronta prima accoglienza e un passaggio a una seconda accoglienza finalizzata all’integrazione.”


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner