Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 19 agosto 2017 - Ore 20:29

Giannetto: “Fondi per la cig insufficienti, copriamo solo fino a fine giugno”

Giannetto: “Fondi per la cig insufficienti, copriamo solo fino a fine giugno”

Lecce - Cala il ricorso alla cassa integrazione, complice il sostanziale blocco degli interventi in deroga. Ad aprile, le ore complessivamente autorizzate dall’Inps alle aziende della provincia di Lecce sono state 449.438, con una diminuzione del -30,3% rispetto al precedente mese di marzo (664.586 ore).

Le richieste maggiori sono arrivate dai settori industriale (326.725 ore) ed edile (118.363), seguiti da commercio (2.938) e artigianato (1.412).

Rispetto al mese di aprile 2012, invece, nel quale furono autorizzate complessivamente 136.470 ore, si registra un incremento pari a +229,3%.

 Nel dettaglio, dallo studio effettuato dalla Uil sugli ultimi dati Inps, emerge una crescita degli interventi straordinari (la Cigs, per crisi più strutturali): da 90.626 ore autorizzate a marzo 2013 si è passati a 197.175 ad aprile, con un aumento del +117,6%. Non solo. Si evidenzia un aumento ancora più marcato della Cigs, pari al +9.379,6%, se si confrontano i dati di quest'anno con quelli di aprile dello scorso anno, quando furono autorizzate appena 2.080 ore.

In controtendenza - solo apparente - le richieste di cassa integrazione in deroga (Cigd), che diminuiscono, ma solo per effetto «dei noti problemi di finanziamento dello strumento», sottolinea il segretario generale Uil Lecce, Salvatore Giannetto. Rispetto al mese di marzo 2013, le ore di Cigd autorizzate ad aprile, pari a 18.827, registrano una riduzione del -77%. Sull'anno, invece, il decremento è del -64,1%.

«Il dato sulla cassa integrazione in deroga – spiega Giannetto – non deve ingannare, in virtù del fatto che molte aziende hanno terminato questo ammortizzatore sociale tanto da ricorrere alla mobilità, ulteriore segnale di cessazione dell’attività produttiva e del conseguente licenziamento dei lavoratori. Che il dato della Cigd sia anomalo, poi, lo conferma anche l’andamento della cassa straordinaria che schizza con un più +117,6% su marzo. Indice, questo, sia di un possibile travaso da crisi congiunturale a crisi strutturale per molte aziende, sia di un possibile ritorno alla cig straordinaria di “crisi”aziendali passate per la cassa in deroga. La sostanza non cambia. La crisi colpisce duro e senza politiche di crescita l’ombrello degli ammortizzatori rischia di essere insufficiente. Per questo – conclude il segretario generale Uil Lecce – il nuovo Governo deve sapere che dare certezze di risorse ad oltre 450mila lavoratori tutelati dalla cassa in deroga, non è una opzione ma un imperativo e che, nel contempo, si deve aiutare il sistema produttivo a riprendersi a partire dallo stimolare un consumo interno senza il quale parlare di ripresa diventa, purtroppo, una chimera. I fondi stanziati per la cigd con l’ultimo decreto (pari circa a un miliardo di euro) sono solo una prima importante risposta per le migliaia di lavoratori che hanno diritto a ricevere queste risorse, ma siamo ancora molto lontani dalle reali necessità». 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)


Commenti inseriti
Avatar
mario - 18/05/2013
DOVE SONO I SOLDI?
Vorrei che qualcuno di questi luminari parlasse anche di come reperire i soldi necessari per
gli ammortamenti sociali in genere?.
L'Italia non può nemmeno battere moneta propria , tutto rimane come prima, varia solo la
disoccupazione verso l'alto, la burocrazia ci soffoca, fare azienda è quasi impossibile,non
è vero che l'agricoltura ancora tira quando i prezzi sul campo sono sempre più bassi ,mentre
nei supermercati il caro prezzi mantiene sempre il suo iter.
Il costo dei servizi che la provincia eroga sono sempre più alti e quelli che lavorano sempre di meno.
L'austerità è sempre orientata a colpire i soliti ed ormai il sistema è al collasso.
Se si continua senza intervenire immediatamente con le riforme strutturali, non siamo tanto lontani
dallo sfascio generale, cioè lo stato non può più mantenere gli impegni sul sociale.


Banner
Banner
Banner