Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 23 agosto 2017 - Ore 21:26

Tentano estorsione ai danni del titolare di un'agenzia funebre. Arrestati

Tentano estorsione ai danni del titolare di un'agenzia funebre. Arrestati

Copertino - Nella mattinata di oggi, i Carabinieri della Tenenza di Copertino, unitamente ad altri colleghi della Compagnia di Gallipoli, hanno arrestato in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Lecce, Giovanni GALLO, le seguenti persone: Mirko Pagano, 29enne di Copertino; Marco Sederino, 29 di Porto Cesareo e Fabio Frisenda, 32enne di Copertino, tutti e tre pluripregiudicati, ritenuti responsabili del reato di tentata estorsione in concorso, ai danni di titolare di agenzia funebre sita in Copertino.


L’indagine, condotta dai Carabinieri di Copertino, ha avuto inizio il 12 aprile 2013, in seguito alla presentazione di una denuncia di tentata estorsione presentata dal titolare di una agenzia funebre di Copertino, il quale dichiarava di aver trovato presso la sede della sua ditta una missiva anonima di carattere estorsivo, con la quale gli veniva richiesto il pagamento di € 2.500,00, con le indicazioni circa un successivo contatto, necessario per la consegna del denaro. I Carabinieri, iniziate da subito le prime attività investigative, acquisivano in pochi giorni i filmati ripresi dall’impianto di videosorveglianza presente presso la predetta agenzia nonché da altri sistemi di vigilanza pubblica; dall’ esame di questi fotogrammi veniva individuato il soggetto che aveva recapitato la missiva. Nelle settimane seguenti inoltre, la vittima denunciava di aver ricevuto telefonate in cui gli veniva chiesto di dare “soddisfazione” alla richiesta estorsiva di cui alla lettera precedentemente ricevuta. I Carabinieri quindi, su delega dell’autorità giudiziaria, effettuavano una serie di attività tecniche, tra l’altro confermate da diversi riscontri investigativi in cui, sotto il costante controllo dei militari, la vittima della tentata estorsione si incontrava con i propri carnefici (senza mai dare loro il danaro richiesto), dai quali emergeva, senza ombra di dubbio, che la responsabilità del delitto di tentata estorsione in concorso nei confronti del titolare della citata agenzia funebre era da addebitare alle suddette persone arrestate. I tre arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati tradotti presso la casa Circondariale di Lecce e posti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

La Redazione


Foto relative alla notizia

Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner