Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 17 agosto 2017 - Ore 19:40

Crisi: "Istat, due imprese agricole su tre strangolate dai costi"

Crisi: "Istat, due imprese agricole su tre strangolate dai costi"

Italia - Il presidente della Cia Giuseppe Politi commenta le previsioni economiche per il nostro Paese. Il settore primario è in grave difficoltà. Occorre una positiva politica mirata, con efficaci terapie d’urto, in modo da rilanciare sviluppo e competitività.

“La crisi ‘morde’ anche l’agricoltura. Due imprese su tre sono ‘strozzate’ dai costi. Siamo ormai all’emergenza. Le aziende vivono nel dramma. L’intero arcipelago agricolo italiano segna ‘rosso’. Dai cereali all’uva, dall’olio d’oliva all’ortofrutta, dalla zootecnia da carne al florovivaismo, al latte, è uno scenario sempre più allarmante. Servono interventi urgenti, straordinari e concreti. Da parte del nuovo governo attendiamo, quindi, una maggiore attenzione nei confronti del settore primario. Occorre un vero cambio di marcia rispetto al passato”. Lo afferma il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi a commento delle previsioni economiche Istat per il nostro Paese.

“L’Istat -commenta Politi- mette in evidenzia una situazione ancora molto critica. Il Pil anche nel 2013 è destinato a scendere e per l’agricoltura non si annuncia uno scenario roseo, dopo il crollo registrato nel 2012. Mentre cresce la disoccupazione e i consumi delle famiglie, a cominciare da quelli alimentari, vanno ancora a picco. Ecco che allora urge una nuova politica per il sistema agroalimentare italiano che, nonostante le tante difficoltà, ha mostrato in questi mesi evidenti segni di vitalità. Al premier Enrico Letta abbiamo sollecitato immediati atti concreti per superare la crisi e per riprendere la strada della crescita e della competitività”.

“Negli ultimi dieci anni -dice il presidente della Cia- oltre 500 mila imprese agricole, in particolare quelle che operavano in zone di montagna e svantaggiate, sono state costrette a cessare l’attività. Soltanto nel primo trimestre del 2013 più di 13 mila sono andate fuori mercato. Il rischio è che nei prossimi quattro-cinque anni altre 250 mila aziende rischiano di chiudere i battenti. Senza interventi realmente propulsivi, soprattutto sul fronte del costo del lavoro, sarebbe una tragedia per l’intero settore”.

“Per tale motivo -conclude Politi- rinnoviamo il nostro appello al presidente del Consiglio e al neo-ministro delle Politiche agricole Nunzia De Girolamo affinché sui temi agricoli si apra subito un serrato confronto, in maniera da individuare le direttrici migliori per assicurare un futuro di certezze alle tante aziende che operano in affanno e con la prospettiva della chiusura. E questo vale ancora di più in una fase molto delicata in cui si sta sviluppando a livello Ue il decisivo negoziato sulla riforma della Politica agricola comune”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner